Calcolare il valore di un’azienda in 4 minuti utilizzando una app sullo smartphone. Anche questo riesce a fare l’intelligenza artificiale, il cui ruolo sta crescendo in molti settori, incluso quello economico-finanziario. Accelera Hub, divisione specializzata del fondo di private equity Igi Investimenti Group, ha lanciato Angel-Ika, primo sistema di perizia e valutazione delle imprese italiane basato sull’IA. «Grazie a questo software l’imprenditore può calcolare il valore economico della sua azienda, e metterlo sul tavolo con i fondi di private equity per una monetizzazione immediata parziale o totale» dice Giuseppe Incarnato, Chairman e Ceo di Igi Investimenti Group. «Fin qui le valutazioni delle aziende sono sempre state affidate a calcoli lunghissimi e costosissimi, che determinavano il valore di base anche per le quotazioni borsa. Con l’utilizzo dell’IA abbiamo reso tutto molto immediato».

Con un database di 12mila aziende valutate e una campionatura di rielaborazione che copre serie mobili settennali e di business plan predittivi, Angel-Ika capitalizza l’ultradecennale esperienza operativa maturata da Igi Investimenti Group sia in ambito peritale di aziende manifatturiere con sedi in Italia, Spagna, Polonia, Germania, Austria e Francia sia in ambito di progettazione, costruzione e manutenzione di sistemi di rating per banche ed intermediari finanziari. Scopo del sistema è fornire all’imprenditore un valore di cessione dell’azienda per offrire una base di analisi e pre-diagnostica finalizzata ad attrarre capitali di finanziamento e di investimento. Il risultato può essere utilizzato come presupposto per lo sviluppo di piani industriali evolutivi dell’azienda. Angel-Ika è ideale per valutare aziende e gruppi di imprese con dati aggregati avente sede in Ue e con una classe di fatturato fino a 75 milioni di euro. «Lo stiamo anche vendendo alle banche» precisa Incarnato, «che stanno trasformando i criteri di valutazione sui finanziamenti bancari garantiti da una logica loan to cost, quindi finanziamenti a costo di investimento, a una di loan to value, basati sulla valutazione: questo ampia radicalmente il livello della finanziabilità. Abbiamo fatto un accordo con Creditsafe, grossa società norvegese che produce informazioni commerciali, per integrare il modulo».

Il software di intelligenza artificiale di Accelera Hub si pone come una novità assoluta in un mondo che vive un periodo di effervescenza, quello del private equity. «È rivolto alle Pmi che vogliono valutare la possibilità di far entrare un fondo in maniera parziale o totale» rimarca il Chairman e Ceo di Igi Investimenti Group, «affidando la valutazione a un sistema trasparente che consente di non avere quella asimmetria informativa che non aiuta a determinare il valore complessivo dell’azienda».

Accelera Hub si propone dunque di dare un contributo a quel percorso di aumento delle dimensioni medie delle imprese italiane. «Angel-Ika favorisce la crescita dimensionale» insiste Incarnato, «perché assicura un sistema di valutazione trasparente e comparabile in ordine al valore cedibile dell’azienda. È una base da cui partire per fare M&A, la prima attività peritale automatizzata per determinare il valore aziendale con cui si stabiliscono i concambi». Il fondo che entra nell’azienda può essere anche lo stesso Igi Investimenti Group. «Il fondo acquisisce prevalentemente in posizione di minoranza quote qualificate del valore» mette in evidenza il Ceo, «anche perché Angel-Ika restituisce il valore su tutti e 5 i metodi di calcolo incluso quello interno di Igi Group, che poi è disponibile ad acquisire il 30% dell’azienda; ma viene inviato anche ad altri fondi per allargare la linea degli investitori e anche ad aziende che vogliono fare corporate venture».

L’obiettivo ultimo del progetto Angel-Ika è ambizioso: una mappatura del valore delle Pmi italiane. «Vogliamo realizzare una sorta di osservatorio del valore economico delle aziende italiane aggiornato tutti gli anni» sottolinea Incarnato, «che assegni loro un valore che non si limita al capitale sociale, ma si estende a una logica industriale». Il funzionamento di quello che è stato definito il primo Angel Bot è semplice. «Basta inserire il sito internet dell’azienda e il fatturato» nota il Ceo di Igi Investimenti Group, «e il sistema fa un’analisi multivariata del settore di riferimento, di tutti gli elementi, dell’analisi economica dei bilanci. Abbiamo preferito partire dal sito internet piuttosto che dalla classica partita Iva in modo da poter analizzare con l’intelligenza artificiale tutti gli aspetti di valutazione di un’azienda: brevetti industriali, certificazione, personale, organizzazione, brand reputation… Un’analisi molto più completa rispetto a quella che parte dal codice Ateco e da un’analisi statistica classica di rating per finanziamenti».

La prima risposta in termini di download del sistema per tablet e smartphone è stata lusinghiera. «Il lavoro svolto da Accelera Hub nella realizzazione di Angel-Ika mi ha impressionato per l’ampiezza dei modelli di valutazione e per la capacità di produrre una base statistica in grado di automatizzare le fasi del processo di valutazione delle aziende in un modo che sino ad ora era impensabile» aggiunge Incarnato. «Gli uffici di analisi del gruppo hanno testato il sistema di valutazione di Angel-Ika confrontando le valutazioni fatte dagli Angel Investor della struttura con le risultanze del software, ed i risultati sono sorprendenti in termini di convergenza. Sono sicuro che gli imprenditori italiani e le società di placement di aziende apprezzeranno un sistema che rende immediata la valutazione dell’impresa e pone in condizione di poter disporre di una misurazione puntuale dell’enterprise value con cinque diversi metodi di calcolo, includendo anche il nostro sistema proprietario. Angel-Ika ha saputo coniugare rigore metodologico e trasparenza dei processi con un risultato in grado di cambiare il sistema di relazioni tra proprietari di aziende e fondi di private equity».