E-car aziendali? Mercedes-Benz il futuro prossimo ce l’ha in Case
Christian Catini, responsabile flotte Mercedes Benz Italia

Case, in inglese, significa “scatola”, “astuccio”. Un oggetto che contiene qualcosa. Nel caso di Mercedes, contiene una filosofia, una visione, una cultura che già ora permea tutte le attività dell’azienda tedesca e che lo farà sempre di più nei prossimi anni. Perché Case è un acronimo, in inglese, per sintetizzare una concezione di veicoli del futuro che saranno connessi alla rete internet (Connected),  a guida autonoma (Autonomous), condivisi tra più persone (Shared) e mossi da motori a impatto zero (Electric). Un modo di pensare al domani che si implementa giorno dopo giorno ed è fondamentale per la casa della stella a tre  punte. Anche per i veicoli aziendali. «Perché questi sono gli argomenti che i fleet manager ci chiedono di approfondire di più» racconta Christian Catini, da gennaio di quest’anno corporate&fleet sales manager di Mercedes-Benz Italia. «E non è soltanto curiosità, ma è un orientamento, un vero interesse per migliorare il proprio parco auto, specie per quanto riguarda la trazione elettrica».

Ma chi può volere un’auto elettrica oggi?

I top manager che desiderano avere una vettura comoda, che si parcheggia senza problemi nelle grandi città, che consenta di entrare nei centri storici senza scocciature. Viaggiare su un’auto a zero emissioni, poi, significa offrire una immagine positiva di sé. 

E dell’azienda, anche.

Non solo. Le grandi aziende, quelle che hanno molte auto nel proprio parco, vogliono avere una percentuale consistente di auto elettriche. Per questo, il prossimo anno, stimiamo che un buona percentuale sul totale delle vendite di smart electric drive sarà destinata proprio al canale flotte.

Christian Catini, responsabile flotte Mercedes: «Dal 2020 niente più smart a benzina. Le aziende vogliono più auto elettriche nel loro parco»

Smart diventerà il primo marchio a essere solo elettrico.

Dal 2020 non ci sarà più la versione benzina. Quanto a Mercedes, in gamma ora ci sono 11 automobili ibride e 4 full electric. Un anno fa poi, abbiamo lanciato il marchio EQ che caratterizzerà una nuova famiglia di veicoli elettrici e che sarà sul mercato entro il 2022 con 10 nuovi modelli a zero emissioni. Nel 2025 il 25% delle nostre vendite globali avrà una trazione elettrica.

Una scelta obbligata, se si vogliono rispettare i limiti di emissioni in Europa.

Ma servono le infrastrutture. Enel che è uno dei nostri partner ha in programma di installare 2.700 nuove colonnine di ricarica entro il prossimo anno e 14 mila entro il 2022, investendo 300 milioni di euro. È un notevole passo avanti.  

E la guida autonoma?

Fino a quando non ci saranno regole certe e le infrastrutture necessarie, preferiamo definirla “assisitita”. Un modo per guidare l’auto con più tranquillità, in modo più sicuro e con meno fatica.

Ora va di moda non comprare l’auto, ma noleggiarla.

Per il noleggio a lungo termine abbiamo appena lanciato le versioni “Business Extra”, studiate per rendere ancora più semplici le scelte dei fleet manager, attraverso allestimenti realizzati su misura sulle esigenze dei clienti del canale professionale. Le “Business Extra” arricchiscono le tradizionali versioni “Business”, attraverso una dotazione di equipaggiamenti di livello ancora superiore. A caratterizzare, ad esempio, queste versioni sono i fari led, il volante in pelle, il supporto lombare e un sistema di assistenza al parcheggio completo che comprende oltre ai sensori anche la telecamera posteriore. La versione è già disponibile per la Classe B, la C, la E, la Cla e la Gla. Una parte consistente della nostra gamma.

E per i privati?

Attraverso la nostra captive, i clienti privati nel noleggio a lungo termine possono già contare su un’offerta estremamente competitiva sull’alto di gamma. Il prossimo anno introdurremo ulteriori prodotti su vetture di volume tramite la nostra rete di vendita. Lo stiamo sperimentando perché dovrà essere sostenibile per tutti. Un’offerta fortemente orientato alla Best Customer Experience e non realizzata unicamente attraverso un sconto ai clienti, come spesso accade.