In occasione della Milano Design Week e fino a domenica 19 giugno, Dropcity, Centro di Architettura e Design, che si sviluppa nei tunnel lungo via Sammartini a Milano, all’interno dei Magazzini Raccordati della Stazione Centrale, presenta un’anticipazione dei contenuti che lo identificheranno come luogo di aggregazione e di dibattito sull’Architettura, il Design e la città contemporanea.  L’anticipazione si svolge in vita dell’apertura ufficiale che è invece prevista per la primavera 2024. 

Dropcity è un’iniziativa nata da un’idea dell’architetto Andrea Caputo già nel 2018, sviluppata e co-gestita da Nhood, che con un investimento di 16 Milioni di euro aggiunge un secondo contributo alla rigenerazione urbana di Milano, dopo la vittoria un anno fa del bando C40 Reinventing Cities per la trasformazione di piazzale Loreto, con il progetto LOC-Loreto Open Community. 

Dropcity – Credito fotografico Delfino Sisto Legnani, courtesy Andreacaputo.com

Oltre 10.000 metri quadrati, suddivisi in 28 tunnel, ospiteranno gallerie espositive, atelier di produzione, laboratori di falegnameria, robotica e prototipia avanzata. In questo contesto un’importante area di metratura sarà dedicata alla ricerca, alla didattica e a spazi ufficio rivolti ai professionisti del settore. Sono previste anche una materioteca e una biblioteca pubblica, mirata a tematiche di Architettura e di Design.

Saranno visitabili numerose installazioni

Una mostra su Ricardo Bofil curata da Apartamento Magazine, l’installazione di Fosbury Architecture presentata da Quodlibet Edizioni e altre installazioni di KoozArch (Milano, London), Bureau Spectacular (Los Angeles), H.P.O. (Ferrara) , Supervoid (Roma), Motto (Berlin), Grillo-Vasiu (Zurich), Pan Records (Berlin), Log Magazine (NYC), Parasite 2.0, Ganko, Finemateria, Abnormal, From Outer Space (Milano).  

“Dropcity Mockups” curato da Angela Rui

Si tratta  di un invito a pensatori, editori, autori, architetti e designer a riunirsi e immaginare che tipo di prototipo culturale il nuovo centro incarnerà. E’ rivolto da Angela Rui, curatrice e ricercatrice per il design. Tra i prestigiosi incarichi, Rui ha curato il Padiglione Olandese della XXII Triennale di Milano e BIO25 – Ljubljana Design Biennial con Anna Paola Buonanno – designer, editor e co-founder dello studio “From outer Space” – 

Il quadro concettuale del mock-up non fa quindi riferimento esclusivamente alla futura costruzione architettonica di un centro urbano dedicato all’architettura e al design, ma include a priori una riflessione sul modello sociale, lavorativo e culturale che Dropcity rappresenta, soprattutto nel contesto italiano e nell’inserimento nella città di Milano.

Sollevando temi di attualità legati alla professione e all’educazione, alle pratiche sociali ed ecologiche, alla trasformazione delle istituzioni culturali in catalizzatori di inclusione e giustizia sociale, la settimana stessa diventerà il mock-up dello spirito e del clima creativo che caratterizzeranno Dropcity.

Con questo programma Dropcity mira a raggiungere studenti, giovani architetti e designer a Milano durante la Design Week, e invitarli a costruire spazi di scambio, solidarietà e comunanza per affrontare le sfide e le responsabilità che attendono progettisti e istituzioni che operano nel campo dell’architettura e del design.