Domanda e offerta lavoro

Il Cda di doValue ha approvato i risultati preliminari per l’esercizio 2023. La società quotata su Euronext Milan e specializzata nella gestione e recupero di crediti deteriorati, ha registrato nel 2023 ricavi netti di 443,2 milioni di euro, in calo dell’11,4% rispetto al 2022. L’Ebitda è diminuito del 11,5% a 178,4 milioni di euro, con un margine Ebitda del 37,1%, in aumento dell’1% rispetto al 2022. Considerando gli elementi non ricorrenti, l’Ebitda è sceso a 175,1 milioni di euro, registrando un calo dell’11,9%.

doValue, i risultati finanziari del 2023

L’utile netto, inclusi gli elementi non ricorrenti, è risultato essere negativo di 18,9 milioni di euro, rispetto ai 16,5 milioni del 2022. La principale causa potrebbe essere la diminuzione dell’Ebitda, l’aumento di ammortamenti e svalutazioni, accantonamenti netti e minori risultati del fair value delle attività. Escludendo voci non ricorrenti, l’utile netto è di 2,7 milioni di euro, rispetto ai 50,6 milioni del 2022.

Ricavi netti e Ebitda in calo

doValue ha gestito o acquisito circa 10,6 miliardi di euro di crediti deteriorati nel 2023, nonostante le difficoltà di mercato. Il Collection Rate per il 2023 è del 4,6%, in aumento rispetto al 2022. L’indebitamento netto al 31 dicembre 2023 è di 475,2 milioni di euro, superiore ai 429,9 milioni del 31 dicembre 2022. La leva finanziaria è salita a 2,7x, rispetto a 2,1x nel 2022.

Politica del dividendo stabilita dopo il piano

In seguito all’approvazione del nuovo piano industriale, il Cda deciderà la politica dei dividendi. doValue ha annunciato un capital market day il 21 marzo per presentare il nuovo piano industriale 2024-2026. La società stima una pipeline di potenziali mandati di servizio di circa 40 miliardi di euro nei prossimi 18 mesi in Europa meridionale, ma possibili ritardi potrebbero influenzare la crescita nel 2024. Per affrontare ciò, doValue ha adottato una struttura dei costi flessibile e prevede ulteriori modifiche per preservare la redditività e la generazione di cassa.

LEGGI ANCHE: “Il venture frena? Puntiamo sulle “valley”