disconnessione dallo smartphone
Pagamenti digitali più diffusi tra i più giovani

Secondo uno studio di WhistleOut, le persone trascorrono in media circa 9 anni di fronte allo schermo del proprio cellulare, sollecitati dall’arrivo di una notifica o dal timore che sfugga qualcosa di importante. In pratica con la testa chinata si perdono più di 76.500 ore, cioè 8,74 anni.

Perché quindi non incentivare chi riesce a disconnettersi? 

Nasce da questa scintilla ed intuizione di Luca PanseriLookup, (alza lo sguardo in inglese) la startup a vocazione sociale che ha realizzato l’omonima app di social gaming che, per il tempo passato con il suo timer attivo, si auto-vincola lo smartphone a non uscire dalla schermata della app per accumulare dei punti, convertibili in premi e buoni sconto, promozioni ed esperienze varie da vivere nel mondo fisico, offline.

 

Lookup contrasta il burnout digitale, incentiva l’utilizzo consapevole della tecnologia e salvaguarda le interazioni sociali ed il benessere psicofisico

 

Fondata nel 2019, l’idea di realizzare uno strumento per rendere le persone più consapevoli dell’utilizzo e del tempo trascorso online, nasce da un’esperienza personale del fondatore di Lookup, Luca Panseri.

 

«Ho vissuto in prima persona un burnout digitale, uno stato di esaurimento mentale, emotivo e fisico scaturito dall’iperconnessione e dall’uso prolungato dei dispositivi digitali – spiega Panseri – è stata un’esperienza spiacevole e negativa che mi ha portato sempre di più ad assottigliare i confini tra vita privata e vita lavorativa e a non vivermi appieno le mie relazioni sociali nella vita reale. Dopo due mesi di “disconnessione” dal mondo digitale sono riuscito a riappropriarmi dei momenti autentici e delle esperienze da vivere nel mondo offline puntando principalmente al mio benessere psicofisico. Da qui – prosegue – l’idea di voler aiutare le persone ad un utilizzo consapevole della tecnologia».

Così è nata un’app su smartphone che unisce due mondi, disconnessione consapevole e gamification e proporre alternative all’utilizzo passivo dello smartphone, creando partecipazione attiva tra le persone nel mondo reale.

LEGGI ANCHE: Smartphone, crisi passate: le vendite hanno ripreso a crescere

Come funziona Lookup

Lookup ogni 20, 40, 60 minuti di break online, attribuisce dei punti (palloncini) convertibili in premi e buoni sconto, promozioni, prodotti, donazioni, ed esperienze varie da vivere nel mondo fisico, offline. Un esempio? Un libro cartaceo da leggere al mare o in montagna, un ingresso al cinema o al museo con la propria famiglia, o una sessione gratuita in palestra per migliorare la salute fisica e mentale o una donazione ad un ente no profit.  Gli incentivi sono scelti in base alla sostenibilità ambientale ed al benessere psicofisico.

Lookup promuove la sostenibilità digitale

 

Come? Riduce del 97% delle emissioni di CO2 degli smartphone generate dal loro utilizzo, passando dai 663g di CO2 giornalieri a 11 g. Inoltre raddoppia la durata della batteria del proprio smartphone, con un conseguente risparmio elettrico per le ricariche.

 

Lookup 2.0 punta a contrastare il phubbing genitoriale attraverso la collaborazione collettiva