Dichiarazione redditi 2022 novità

Il 2022 è contraddistinto da grandi novità per quanto riguarda il modello 730 necessario per effettuare la dichiarazione dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati. Il motivo principale delle modifiche è riconducibile alle nuove detrazioni fiscali introdotte dal governo. Proviamo dunque a vedere quali sono questi aspetti innovativi, quando è fissata la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi e quali sono i documenti necessari da presentare.

Dichiarazione dei redditi 2022, le novità

Per una compilazione corretta del nuovo modello 730, si può fare riferimento alle istruzioni in merito presenti sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Nello specifico in queste si legge che sono tenuti a segnalare aumenti fino a 1.200 euro, l’ex bonus Renzi, i lavoratori dipendenti con redditi fino a 28.000 euro; così come il bonus Renzi usato come detrazione per redditi da lavoro dipendente e assimilati compresi tra 28.000 e 40.000 euro. Inoltre, per quanto riguarda le detrazioni fiscali, oltre che le spese mediche è possibile detrarre anche le spese veterinarie, quelle sostenute per le scuole di musica dei propri figli, le agevolazioni sulla prima casa e tutti i bonus previste sulla ristrutturazione di un immobile.

Il modello 730 è scaricabile in formato Pdf sul sito dell’Agenzia delle Entrate e dovrà essere presentato entro e non oltre il 30 settembre 2022. Dal 30 aprile 2022, invece, sarà possibile scaricare il formato nella versione precompilata. Il modulo, opportunamente compilato, potrà essere presentato direttamente all’Agenzia delle Entrate, al Caf, ad un professionista abilitato o tramite un sostituto d’imposta.

Al fine di una corretta compilazione del modulo per la dichiarazione dei redditi, si ricorda che saranno necessari diversi documenti. Tra questi abbiamo l’ultima dichiarazione dei redditi presentata, i documenti di identità, il codice fiscale di coniugi e familiari a carico, il CU 2021, la certificazioni di altri redditi, immobili o variazioni di proprietà e acconti Irpef versati a giugno e novembre.