Deere & Co macina utili perché l’agricoltura tira

Il colosso americano delle macchine agricole Deere & Co. ha pubblicato guadagni migliori del previsto la scorsa settimana, dato che le attrezzature agricole prodotte dall’azienda sono diventate un must per un settore congestionato.
I prezzi dei raccolti hanno avuto un boom ultimamente, e Deere ha raccolto i frutti: gli agricoltori hanno speso di più per i suoi macchinari per soddisfare la domanda, portando le entrate trimestrali dell’azienda e i profitti davanti alle aspettative rispettivamente dell’11% e del 16%. E mentre quel boom ha iniziato a diminuire un po’, non ha smorzato l’ottimismo di Deere: l’azienda ha aumentato le sue previsioni di guadagno per il resto dell’anno.
Deere è considerata un bellwether economico, con gli investitori che usano i suoi aggiornamenti per avere indizi sullo stato dell’economia statunitense. Ma funziona anche nell’altro modo, nel senso che un indebolimento dell’economia pesa sulle azioni del produttore. Povera Deere: Goldman Sachs ha appena abbassato le sue previsioni di crescita economica degli Stati Uniti, mentre l’ampio indice delle materie prime di Invesco – che si è mosso quasi di pari passo con le azioni Deere dall’ottobre 2020 – è stato in calo. Gli investitori, quindi, potrebbero sentirsi un po’ nervosi nell’aggiungere altre azioni ai loro portafogli.
E tu pensavi che i tuoi acquisti di metà pandemia fossero strani: il governo degli Stati Uniti stima che circa il 30% dei terreni agricoli del paese è ora di proprietà di coloro che non coltivano direttamente, con Bill Gates che è diventato il più grande proprietario l’anno scorso. L’affitto di terreni agricoli offre un reddito costante, dopo tutto, e la terra stessa è probabile che continui a salire di valore man mano che diventa una risorsa sempre più limitata.
Ti potrebbe anche piacere: Se i terreni agricoli sono un po’ fuori portata, ecco un investimento alternativo che potresti preferire.