Warren Buffett
Warren Buffett, investitore statunitense, capo di Berkshire Hathaway

“Solo gli stupidi non cambiano idea”, recita una famosa massima. Si sarà detto questo anche Warren Buffett quando ha deciso di invertire a U la propria strategia di investimenti davanti al tracollo della sua holding finanziaria Berkshire Hathaway che, dall’inzio della pandemia ad oggi, ha perso non meno di 55 miliardi di dollari. A fine febbraio il famoso magnate statunitense professava “calma e sangue freddo“, sconsigliando disimpegni dagli asset sull’onda dell’emotività. 

Una linea abbandonata dopo poche settimane. Tanto che nell’arco del mese di marzo, come scriveva qualche giorno fa l’agenzia Bloomberg, il famoso investitore aveva venduto già una grande quantità di azioni portando la massa di liquidità personale a 137 miliardi di dollari. L’equivalente del Pil del Kuwait o dell’Ungheria, nota il Sole 24 Ore. Un record assoluto, salito ulteriormente il mese scorso con altri 6 miliardi di sell-off, facendo di Buffett il maggiore venditore del mercato azionario da inizio anno.

Il Sole elenca i disimpegni del magnate nel settore del trasporto aereo in cui si è liberato delle proprie partecipazioni in Delta, SouthWest, American e United. “Il mondo del trasporto aereo è cambiato”, ha spiegato esprimendo lo stesso pessimismo riguardo a quella che sembrava, fino a pochi mesi fa, la gallina delle uova d’oro del mercato: il greggio.

“Sotto i 37 dollari al barile il greggio non riesce a sostenere i costi di estrazione”, ha detto sabato in conference call con la stampa, riferendosi in particolare al Wti, il petrolio texano che sta risentendo in maniera particolare del crollo dei prezzi al barile.  Gli investimenti in nuove tecnologie di estrazione e raffinazione oggi risultano difficili da sostenere. I guai non si fermano davanti ai confini dei pozzi statunitensi. Basti pensare al taglio dei dividendi deciso da Shell e al recente scandalo che ha investito il gigante della distribuzione di oro nero, Hin Leong, adesso a rischio bancarotta. 

Non mi sembra poi una cifra così enorme se si pensa al peggiore degli scenari possibili“, ha detto Buffett commentando con gli analisti la quantità di liquidità accumulata negli ultimi due mesi. Il “capo” della finanza americana non ha nascosto che non esistono alternative dato che, in questo momento, al contrario del contesto di crisi del 2008 – nota ancora Bloomberg –, i listini non offrono adeguate opportunità di acquisto. Per Buffett il peggio deve ancora venire.

sucedeva a marzo | Che sberla per Buffett&Co, persi 203 trilioni di dollari in meno di due ore