cybersicurezza
BRUNO FRATTASI PREFETTO

Oggi in consiglio dei ministri è prevista la nomina del nuovo direttore generale dell’Agenzia per la cybersicurezza l’ex prefetto di Roma Bruno Frattasi, che si dovrà confrontare con l’impennata dei cyberattacchi che si sta verificando in Italia. I dati forniti dal rapporto Clusit 2023 parlano di una vera e propria esposizione del nostro paese, visto che l’anno scorso si sono verificati a livello di cybersicurezza 188 attacchi verso l’italia con un incremento del 169%. Nel sono andati a segno il 7,6% contro il 3,4% del 2021. A completare il quadro italiano, la gravità elevata o critica nell’83% dei casi.

Gli attacchi informatici dal 2018 al 2022

Dal 2018 al 2022 è stata rilevata una crescita degli attacchi informatici pari al 60%; nello stesso periodo la media mensile di attacchi gravi a livello globale è passata da 130 a 207. Secondo gli analisti di Clusit alla base di questa crescita c’è la situazione politica internazionale, in modo particolare la guerra tra Russia e Ucraina, della quale gli attacchi informatici rappresentano uno degli aspetti.

Che cosa accade oggi

Secondo i ricercatori di Clusit, per quanto oggi in ambito intelligence e militare prevalgano ancora gli attacchi informatici di natura tipicamente clandestina rispetto a quelli condotti con finalità di degrado, negazione o distruzione di sistemi e infrastrutture digitali, questa proporzione appare destinata a cambiare in un prossimo futuro: il processo di rapida adozione e messa in campo di strumenti cyber-offensivi sofisticati sarà difficilmente reversibile, e in prospettiva potrebbe causare gravi conseguenze in un mondo già fortemente digitalizzato ma sostanzialmente impreparato ad affrontare minacce di questa natura.

LEGGI ANCHE: Cybersicurezza, accordo per formare le pmi sui rischi informatici

Commentando i dati relativi agli attacchi nel nostro Paese, il Presidente di Clusit, Gabriele Faggioli ha dichiarato: “È necessaria una ulteriore evoluzione nell’approccio alla cybersecurity. Occorre non solo che permanga il driver normativo, ma che si mettano in atto a tutti i livelli i processi di valutazione e gestione del rischio per il business, atti a calibrare adeguatamente gli investimenti sulla base delle reali necessità”.