crescita sostenibile

GSE (Gestore dei Servizi Energetici S.p.A.), società del Ministero dell’Economia per la promozione dello sviluppo sostenibile, e Intesa Sanpaolo hanno sottoscritto un Protocollo di collaborazione finalizzato a favorire l’integrazione delle tematiche ESG (Environmental, Social and Governance) e dello sviluppo sostenibile nell’ambito finanziario e nel tessuto imprenditoriale nazionale. Il protocollo prevede l’avvio di attività congiunte tra il GSE e diverse strutture della Banca, con l’obiettivo di facilitare la valorizzazione dei fattori ambientali nel settore finanziario e di sostenere iniziative di formazione e supporto alle imprese sui temi della transizione energetica e di modelli innovativi di crescita sostenibili. Tra le varie attività, verranno realizzati nuovi modelli per l’analisi e la valutazione dei rischi climatici e ambientali connessi alla transizione.

“L’accordo con Intesa Sanpaolo – dice Andrea Ripa di Meana, Amministratore Unico del GSE -rappresenta una conferma del rilievo che le attività di analisi dei rischi della transizione ecologica rivestono per le imprese finanziarie e industriali nazionali che dovranno affrontare nel modo migliore la sfida della decarbonizzazione posta dai mercati e dalla regolazione comunitaria. Quale società dedicata alla promozione dello sviluppo sostenibile, il GSE è lieto di affiancare la prima banca italiana per consolidarne il percorso
verso la transizione ecologica.”

LEGGI ANCHE: Fondi UE, all’Italia 42,7 mld per la crescita sostenibile del Paese

La collaborazione tra GSE e la banca è estesa e articolata, con diversi ambiti coordinati dalla Direzione Strategic Support. Questi includono lo sviluppo di analisi di scenario per la valutazione del rischio di transizione in base a caratteristiche settoriali, dimensionali e territoriali, in linea con le indicazioni della BCE; lo studio dell’integrazione dei rischi climatici e ambientali nel modello di rischio aziendale; e l’avvio di iniziative di formazione alle imprese italiane sui temi della transizione energetica e della riduzione del carbon footprint. Ciò mira anche a favorire progetti di sviluppo e investimento sostenibile, inclusa la valorizzazione delle filiere produttive con le divisioni Banca dei Territori e IMI Corporate & Investment Banking.

Intesa Sanpaolo un impegno a tutto tondo 

“L’accordo con GSE rientra nel più ampio impegno di Intesa Sanpaolo per sostenere la transizione ESG delle imprese – spiega Paolo Bonassi, Responsabile della Direzione Strategic Support Intesa Sanpaolo -inserito nel Piano d’Impresa 2022-2025 e riconosciuto dal posizionamento del Gruppo ai vertici mondiali per impatto ambientale e sociale. Come grande Banca, Intesa Sanpaolo contribuisce allo sviluppo di un’economia a ridotte emissioni collaborando con partner di alto profilo come GSE per accelerare la crescita sostenibile delle
imprese italiane con opportunità e competenze diffuse”.