Cresce PonyU, il corriere espresso urbano che innova la logistica dell'ultimo miglio

Corrono veloci le consegne di PonyU, il corriere espresso urbano evoluto che ha innovato il settore la logistica dell’ultimo miglio, affidando ad algoritmi di efficientamento l’organizzazione delle consegne e del lavoro dei suoi pony express. 

A correre velocemente però non sono solo le consegne, ma anche il business della startup, che ha registrato un aumento del 300% dei clienti e del 900% dei volumi gestiti rispetto all’anno precedente: a marzo 2021, inoltre era già stato effettuato il 50% di tutte le consegne del 2020. Cresce anche il team con 4 nuove assunzioni nel 2021 e altrettante posizioni saranno aperte a breve, per arrivare a un totale di 38 risorse. Un dato interessante è quello della maggior attenzione da parte dei piccoli commercianti per i servizi di delivery e in particolare del servizio PonyU Express, dedicato a loro e ai privati, che permette di effettuare una consegna singola o di farsi recapitare a casa un pacco, senza sottoscrivere alcun abbonamento: “Nel primo trimestre del 2021 sono stati circa 200 i negozianti che hanno scelto il servizio, anche per dare impulso al loro business in un’ottica omnicanale per continuare a vendere in momenti così delicati come sono stati i lockdown” spiega Luigi Strino, CEO e co-founder di PonyU.

PonyU oggi è presente è in 33 città su tutto il territorio nazionale e ha effettuato oltre 2 milioni di consegne dal 2015, quando è nata. 

Con PonyU è possibile consegnare beni molto diversificati, per tipologia e dimensioni (fino a un peso massimo di 20kg). Questo, grazie a una flotta ben attrezzata di mezzi di trasporto proprietari, che comprendono bici, scooter,  furgoncini, ai quali proprio in questi mesi si sono aggiunti 15 nuovi veicoli total-green: “La sostenibilità è uno dei valori che guida il nostro business e cerchiamo di muoverci in questo senso – continua Luigi Strino – Entro il 2022 prevediamo inoltre di introdurre almeno 20 bike-cargo elettriche”. Tra i clienti che ad oggi hanno scelto di affidarsi a PonyU per le consegne dell’ultimo miglio, ci sono Ipercoop, Illy, Bialetti, Amadori, Crai, NaturaSi, Alice Pizza, Erbert, Tannico, SanaSana, Flordocafe, Hamericas, Flower Burger, Pharmap, Biorfarm, SushiArt, RStore.

Obiettivi 2021

Sono essenzialmente tre gli obiettivi che PonyU si è posta per quest’anno: l’attivazione dei suoi servizi in 12 ulteriori città italiane, l’internazionalizzazione e un aumento di capitale. “Entro il 2022 vogliamo toccare con i nostri servizi le 50 città in tutta Italia. Un passaggio fondamentale per metterci alla prova e poi esportare il nostro modello di logistica dell’ultimo miglio anche all’estero – continua Strino – Stiamo lavorando per essere attivi in due capitali europee entro la fine dell’anno”.

Nel momento storico attuale la logistica dell’ultimo miglio sta assumendo un ruolo chiave nello sviluppo degli ecommerce: il mercato di questo settore nel 2020 valeva 39,6 miliardi di dollari a livello globale e nel 2026 arriverà a 66 miliardi (dati Valuates Reports). Cavalcando questo trend, PonyU ha deciso di accelerare il raggiungimento dei suoi obiettivi con un’iniezione di capitale: “Dopo l’estate apriremo un aumento di capitale per supportare al meglio la nostra crescita, che finora è stata finanziata dai nostri flussi di cassa positivi e da un finanziamento H-Farm da 10.000 euro risalente al 2016. Stiamo continuando a lavorare nella doppia direzione di espandere i nostri servizi e anche di implementare le funzioni e le opzioni disponibili per i nostri utenti, personalizzando al massimo il servizio sulla base dei feedback e delle richieste che riceviamo dai nostri clienti”.

Come funziona PonyU

Il principio di funzionamento di PonyU rompe gli schemi della logistica tradizionale, partendo dal presupposto che il pacco non deve partire dal magazzino centrale, se è presente in un punto vendita più vicino al destinatario. In questo modo si favorisce il commercio di prossimità e si riducono sia il tempo di consegna della merce sia le emissioni legate ai chilometri percorsi. 

Partendo da un’analisi delle aree di consegna attorno al punto vendita, quindi, il software proprietario di PonyU, basato su algoritmi di efficientamento, abbina il pacco al pony express (che è geolocalizzato mentre è in servizio) più veloce a gestire una determinata tratta, tenuto conto del tipo di percorso (urbano o extraurbano), del bene da consegnare e del mezzo di trasporto che può essere utilizzato. PonyU riesce ad accorciare di oltre un terzo i tragitti, rispettando i tempi di consegna prestabiliti che, per alcuni servizi offerti dalla startup, sono entro i 60 minuti.