In linea con l’evoluzione delle modalità del lavoro, e, quindi, dell’utilizzo degli spazi, Covivio ha adeguato la propria offerta per garantire agli utilizzatori dei propri uffici un’esperienza sempre più piacevole e improntata al benessere. Mettere le persone al centro della propria strategia si traduce oggi per le aziende nella promozione di una cultura dell’inclusione tramite la creazione di ambienti di lavoro che valorizzino le diversità, siano esse di genere, età, etnia, orientamento sessuale, disabilità, religione, credo politico e livello culturale e socioeconomico.

In tal senso, mossa dall’ambizione di continuare a guidare l’innovazione nello sviluppo degli uffici e di affiancare con sempre maggiore responsabilità e impegno le aziende nelle loro sfide future, Covivio si è interrogata circa la possibilità di promuovere la diversità e l’inclusione attraverso una diversa progettazione degli spazi di lavoro.

La risposta a questa domanda rappresenta l’oggetto del paper “Dal workplace al life place. Scenari e linee guida per progettare spazi di lavoro più inclusivi” promosso da Covivio e redatto con il supporto della società di progettazione Total Tool e del Prof. Giulio Ceppi del Politecnico di Milano tramie l’ascolto di alcune aziende clienti e la visite delle loro sedi ospitate negli immobili di proprietà del Gruppo immobiliare a Milano.

Il paper raccoglie raccomandazioni per fornire spunti, strumenti pratici e soluzioni da applicare nella progettazione degli spazi ad uso uffici in ottica di inclusione e valorizzazione delle diversità.