I virus mutano, quindi era solo questione di tempo prima che un altro nuovo ceppo di SARS-CoV-2 (il virus che causa la COVID-19) emergesse e iniziasse a diffondersi. Quest’estate, questo ceppo si chiama EG.5, o, informalmente, Eris (soprannome della dea greca della lotta e della discordia). Discendente di Omicron, Eris è già la sottovariante dominante del coronavirus nel Paese e infetta più persone di qualsiasi altro ceppo.

Finora, EG.5 non sta facendo scattare alcun allarme per quanto riguarda la gravità della malattia, anche se i primi rapporti mostrano che potrebbe essere più trasmissibile: ha superato XBB.1.16 (o Arcturus), un’altra sottovariante di Omicron altamente contagiosa che è stata oggetto di notizie solo pochi mesi fa.

“Non sono a conoscenza di dati che suggeriscano che EG.5 porti a casi peggiori di COVID-19 rispetto alle varianti precedenti”, afferma Scott Roberts, medico, specialista in malattie infettive della Yale Medicine. Ma i primi rapporti hanno mostrato che EG.5 si è diffuso più velocemente di qualsiasi altro ceppo attualmente in circolazione.

Secondo le stime dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), EG.5 è stato responsabile del 20,6% dei casi di COVID-19 negli Stati Uniti alla fine della terza settimana di agosto, più di qualsiasi altro ceppo di SARS-CoV-2 in circolazione. Nella stessa settimana, un ceppo chiamato FL 1.5.1 (o Fornax), che è stato segnalato come in rapida ascesa negli Stati Uniti e che ha rappresentato il 13,3% dei casi, era al secondo posto, seguito da un mix di altri ceppi XBB e discendenti di Omicron.

EG.5 non è molto diverso da altri ceppi recenti, spiega il dottor Roberts. EG.5, identificato per la prima volta a febbraio, è un discendente della variante Omicron, che è apparsa per la prima volta nel novembre 2021 e ha avuto molte sottovarianti. (Vale la pena notare che, tranne in rari casi, la versione originale di Omicron non è più in circolazione, così come il ceppo originale del virus SARS-CoV-2 e le prime e più gravi varianti Alpha e Delta).

Tuttavia, EG.5 presenta una nuova mutazione nella sua proteina spike (la parte che facilita l’ingresso del virus nella cellula ospite) che può potenzialmente eludere parte dell’immunità acquisita dopo un’infezione o una vaccinazione. “Come in tutte le varianti che si sono manifestate, c’è un grado in più di evasione immunitaria a causa di una leggera differenza nel genotipo”, afferma il dottor Roberts.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha classificato EG.5 come “variante di interesse”, il che significa che i Paesi dovrebbero monitorarlo più attentamente rispetto ad altri ceppi a causa di mutazioni che potrebbero renderlo più contagioso o grave. (Il CDC non ha ancora aggiornato la sua pagina di classificazione delle varianti).