quali sono i sei consigli per investire nel lusso in Cina
Stefano Generali

Sviluppare il proprio business in Cina oggi è più semplice. Grazie al report intarget, partner per la consulenza strategica nel marketing digitale e nel customer journey, è più facile sfruttare le opportunità nel mercato cinese del lusso.  Il report contiene sei consigli che consentono di sviluppare il proprio business nel paese del Dragone.

Non perdere di vista le prospettive locali

Secondo Global Times Research Center per oltre il 50% dei cittadini serve dare priorità al marchio, ai valori e allo stile del territorio. Questo è in linea con la riscoperta tra i più giovani della storia locale e delle tradizioni della Cina. I brand di lusso perciò dovranno creare una vera connessione con questo senso di appartenenza e orgoglio nazionale.  “Negli ultimi anni l’interesse dei consumatori per i prodotti di lusso è cresciuto senza sosta ed oggi, nonostante il periodo di forte incertezza, il lusso continua ad avere una forte attrattiva tra i consumatori, soprattutto tra le generazioni più giovani. Di fronte alle nuove opportunità che si aprono nelle città di seconda e terza fascia, i brand occidentali si trovano davanti una nuova sfida: competere con brand locali adattando le proprie strategie globali a un mercato locale sempre più complesso e in forte cambiamento.”Stefano Generali –  Managing Director intarget Shanghai

Salvaguardare la fascia di chi spende di più in Cina

Per salvaguardare il pubblico di fascia alta i brand di eccellenza, devono coltivare e  mantenere solide relazioni con i consumatori. Come? Ad esempio usando applicazioni di messaggistica privata per mettersi in contatto con i clienti, spingere i propri contenuti pubblicitari e di marketing attraverso i vari canali digitali o invitarli a eventi di marketing. Ogni percorso consente ai consumatori di connettersi con un determinato brand rafforzando allo stesso tempo il rapporto tra le due parti. Quando il recente lockdown della grande città cinese di Shanghai è stato prolungato, le aziende del lusso sono intervenute per servire pasti e dolci gratuiti ai clienti “estremamente importanti” come metodo per mostrare loro che questi brand si sono presi cura di loro durante il difficile momento.

LEGGI ANCHE: Tanzini (intarget): “Cultura e capitale, ecco cosa serve a imprese per vincere sfida digitale”

Non sottovalutare la risorsa tempo

Il sentimento dei consumatori intorno a un marchio può cambiare rapidamente poiché le informazioni vengono rapidamente condivise tramite i social media e, in pochi secondi, arrivare ad essere pubblicamente noto a molte persone. Basti pensare alle community che si creano intorno ad un brand o alle recensioni che si trovano in internet. Il rapido scambio di idee e commenti negativi tra i consumatori può generare in breve tempo un malcontento e una sensazione di sfiducia verso quel determinato prodotto o servizio. Per questo motivo le aziende, se non vogliono perdere di credibilità, non devono limitarsi solo a sfruttare al meglio la tecnologia, ma devono cercare anche di gestirla nei tempi e nelle condizioni richieste dal caso.

Monitora dove sono le priorità dei nuovi clienti

Oggi lo scenario economico è caratterizzato da movimenti dei prezzi imprevedibili  che preoccupano i consumatori in tutti i mercati. In questo contesto diventa fondamentale per i brand monitorare le discussioni online, quali sono i canali di comunicazione e l’evoluzione dei bisogni dei propri consumatori così da potersi attivarsi di conseguenza e restare quindi top of mind della loro audience. Monitorare il mercato e porre attenzione ai cambiamenti sociali, di pensiero, di gusti ed economici può permettere al brand di evolversi in base ad essi e mantenere legato a sé il cliente.

LEGGI ANCHE: 20° Congresso del Pcc: i prossimi 5 anni cruciali per la modernizzazione della Cina

Marchi di lusso come creatori di talenti

Secondo gli esperti le risorse digitali come il metaverso, i social media e i videogiochi avranno un ruolo sempre più importante nelle proposte di valore dei brand nel prossimo futuro. Bain & Company prevede che entro la fine del 2030, questi nuovi asset potrebbero rappresentare dal 5% al 10% del mercato dei beni di lusso.

La sostenibilità rappresenta una call to action per i brand del lusso. Innovare nella sostenibilità è la chiave per costruire un vantaggio competitivo. Si sta delineando un nuovo futuro nel mercato del lavoro, soprattutto per le giovani generazioni. Per questo i brand di lusso dovranno ampliare le loro proposte di valore, abbracciare la diversità, diventare creatori piuttosto che reclutatori di talenti e sfruttare in modo intelligente l’automazione.

Accogliere il cambiamento

Non è più sufficiente soltanto una buona strategia di marketing e una campagna di comunicazione mirata per vendere un prodotto . Il principale cambiamento è il modo in cui il pubblico, soprattutto quello più giovane, si rapporta con il brand. I giovani maschi sono ormai clienti delle aziende di bellezza, come anche i 50enni. Secondo QuestMobile i consumatori di sesso maschile di età compresa tra 31 e 50 anni sono attenti sia alla qualità che agli elementi relativi al riconoscimento del brand, con un focus su quest’ultimo elemento che, in questa fascia di età, ha raggiunto il 67%.