Riccardo Parrini, presidente di The Nest Company

Dalla tracciabilità del cibo alla gestione della logistica, dai pagamenti online alla sanità. La tecnologia blockchain gioca un ruolo di primo piano per la tracciabilità delle filiere e aiuta i consumatori a prediligere acquisti consapevoli. Uno strumento, dunque, che aiuta a garantire un accesso verificabile alle informazioni e a monitorare in modo trasparente la provenienza dei materiali in ogni fase del processo.

“Negli ultimi anni – precisa Riccardo Parrini, presidente di The Nest Company, acronimo di Next Enabling Software Technologies, azienda che fornisce servizi digitali all’avanguardia per l’economia circolare – è cresciuta notevolmente l’attenzione alle tematiche legate all’impatto ambientale, al riciclo e alla riduzione dell’inquinamento e tutti noi, aziende e consumatori, dobbiamo fare la nostra parte per rendere il futuro davvero più sostenibile. Le tecnologie digitali avranno un ruolo importantissimo nella transizione green, per questo abbiamo creato Certified Recycled Plastic®, il sistema di tracciabilità che sfrutta le potenzialità della blockchain per garantire le materie plastiche riciclate e e assicurare correttezza e trasparenza lungo l’intera filiera. Vogliamo vincere una sfida ambiziosa, ma non impossibile: più tracciabilità e trasparenza, meno greenwashing”.

Ogni prodotto, anche a fine vita, ha una storia da raccontare. In 3 mesi, Certified Recycled Plastic® è riuscita a tracciare 16.816,4 tonnellate di plastica riciclata e più di 1.000 lotti. Grazie a una tecnologia brevettata e a software proprietari, è possibile conoscere nel dettaglio la storia e le caratteristiche di ciascun prodotto e sapere da dove vengono gli oggetti realizzati con plastica riciclata.

“La tecnologia digitale Certified Recycled Plastic® – aggiunge Parrini – consente di tracciare il grado di qualità, il ciclo di vita, l’impatto ambientale e la conformità con le normative dei prodotti, trascrivendo in modo univoco, immutabile e verificabile la Catena di Custodia dei materiali a partire dal rifiuto; il sistema aiuta riciclatori, trasformatori e produttori a fornire tutte le informazioni richieste dalle normative in vigore e necessarie ai consumatori per effettuare un acquisto consapevole, senza rischiare di cadere nella trappola del greenwashing. Ma quali sono i vantaggi portati alle aziende da un sistema di Catena di Custodia? Un vantaggio competitivo attraverso una maggiore sostenibilità, trasparenza e conformità ambientale, migliorando la reputazione e consentendo l’accesso a nuovi mercati.

Certified Recycled Plastic®, la soluzione ideale per le aziende del settore alimentare. A partire dal 2025, tutte le bottiglie in plastica dovranno contenere il 25% di plastica riciclata. Con l’obiettivo di garantire sicurezza e qualità dei prodotti alimentari che entrano in contatto con materiali e oggetti in plastica riciclata è entrato in vigore dal 10 ottobre 2022 il nuovo regolamento 1616 dell’Unione Europea. Il regolamento obbliga le imprese a creare una Catena di Custodia dei loro prodotti e a fornire a clienti e consumatori le istruzioni di impiego e dichiarazioni di conformità della plastica riciclata immessa nel mercato. Grazie a Certified Recycled Plastic® è possibile digitalizzare questa Catena di Custodia e semplicemente inquadrando un QR Code, tracciare e conoscere l’origine, la qualità e le caratteristiche dei prodotti in plastica, per essere conformi ai requisiti del regolamento.