bollette
Industrial technology concept. Communication network. INDUSTRY 4.0. Factory automation.

Con il decreto legge aiuti quater, il Governo proroga gli aiuti contro i rincari energetici per famiglie e imprese, offrendo a queste ultime la possibilità di chiedere la rateizzazione degli importi delle bollette di luce e gas che vanno oltre l’importo medio contabilizzato nell’intero 2021 per i consumi effettuati dal primo ottobre 2022 al 31 marzo 2023 e fatturati entro il 31 dicembre 2023.

Nonostante le misure e gli aiuti offerti dallo stato, il caro bollette continua a rappresentare, per imprese e privati, una situazione di estrema emergenza destinata, purtroppo, a non esaurirsi nel breve periodo.

Anche se la speranza comune è certamente quella di una diminuzione dei prezzi dell’energia, non è affatto scontato un ritorno agli importi a cui eravamo abituati fino a qualche mese fa- commenta Vito Zongoli, Managing Director SENEC Italia, azienda leader nella produzione di sistemi intelligenti di accumulo e nella fornitura di soluzioni a 360° per l’indipendenza energetica – Investire nel fotovoltaico, costituire comunità energetiche rinnovabili (CER), firmare Power Purchase Agreement (PPA) sono soluzioni che devono essere intraprese già da oggi per potersi assicurare un futuro con meno incertezze. Così, insieme a Partners4Energy abbiamo dato vita al progetto Efficienza Facile, la prima joint-venture in Italia che offre a imprese e privati un pacchetto completo di servizi personalizzati e a 360° per la creazione di CER e per i PPAcon un risparmio compreso tra il 20% e il 50%”.

LEGGI ANCHE: Con il caro-bollette gli italiani più green per necessità

Scegliere di far parte di una CER, oltre al risparmio sui costi energetici, offre numerosi altri vantaggi, sia di tipo economico (come sconti o promozioni dedicate per l‘acquisto di beni o servizi) che ambientale e sociale. L’adesione a un PPA, invece, permette alle aziende di ottenere benefici economici senza alcun investimento iniziale ed una pianificazione di lungo periodo attraverso la stabilizzazione dei propri costi energetici.

Se, sulla carta, ottenere questi benefici sembra molto semplice, nella realtà sono necessarie abilità diversificate e specifiche: per questo SENEC ha dato vita ad Efficienza Facile, un progetto che integra tutte le numerose competenze, di natura tecnica, finanziaria e amministrativa, necessarie per l’implementazione di queste soluzioni, ponendosi come interlocutore ideale per il cliente in tutte le fasi del processo: dalla consulenza per definire il modello di business più adatto alla progettazione e realizzazione dell’impianto fotovoltaico, dall’offerta di modelli contrattuali fino alla gestione legale, amministrativa e finanziaria.

 

Ecco alcuni esempi di come sia possibile risparmiare

Il risparmio e i vantaggi collegati alla scelta di sottoscrivere un contratto PPA o di far parte di una Comunità Energetica dipendono da molti fattori. Nel secondo caso, ad esempio, essi variano a seconda del numero dei membri della Comunità, della loro tipologia (se produttore, prosumer o semplicemente consumatore), delle superfici disponibili per l’installazione degli impianti fotovoltaici, di quanta energia viene condivisa tra i membri. Ogni caso, dunque, fa storia a sé ed il computo dei vantaggi può essere fatto solo di fronte a dati reali.

Tuttavia, è possibile fare degli esempi per avere un’idea di massima del potenziale risparmio  offerto dalla sottoscrizione di un Power Purchase Agreement o dalla creazione di una Comunità Energetica Rinnovabile.

Prendiamo il caso di un’azienda di produzione che consuma ogni anno 120.000 kWh e che attualmente paga per l’energia 0,65 euro al Kilowattora: grazie ad un Power Purchase Agreement ventennale con SENEC, che installerà un impianto di sua proprietà sul tetto messo a disposizione dall’azienda e venderà a quest’ultima l’80% dell’energia che le serve, essa potrà acquistare tutta l’energia di cui ha bisogno ad un costo medio di 0,30 euro al kWh, più che dimezzando le sue spese energetiche e garantendosi un risparmio in vent’anni di 844.800 euro e senza il vincolo di un investimento iniziale. Il valore di 30 centesimi al kWh risulta dalla combinazione del prezzo di 0,21 euro al kWh che dovrà per l’80% di energia acquistata da SENEC e di 0,65  euro al kWh per il 20% di energia acquistata dal normale fornitore.

Analizziamo ora, invece, il caso di una Comunità Energetica Rinnovabile costituita da due membri consumatori: una società sportiva dilettantistica (consumo annuo 105.470 kWh) e una scuola (consumo annuo 254.000 kWh), con una bolletta complessiva annua di 99.644 euro (0,28 euro al kWh), che decidono di installare un impianto fotovoltaico realizzato e finanziato interamente da Efficienza Facile e dato in locazione alla CER. Stimando che i due membri riusciranno a condividere circa l’80% di energia (313.600 kWh), la remunerazione annua che riuscirà a garantirsi la Comunità, derivante dagli incentivi statali previsti meno i costi di realizzazione e gestione dell’impianto e della CER, sarà di circa 31.360 euro (0,10 euro al kWh). In questo modo la bolletta annua della comunità energetica passerà a circa 68.284 euro, con un risparmio di circa il 32% all’anno.