L’intelligenza artificiale ha fatto crescere i titoli tecnologici e dei semiconduttori a grande capitalizzazione, ma il clamore ha anche spinto le valutazioni a livelli che sembrano un po’ esagerati. Se l’IA è davvero destinata a trasformare l’economia, l’impulso alla produttività e alla crescita degli utili sarà visibile in molti settori dell’economia, non solo nelle società tecnologiche.

L’ossessione del mercato per l’intelligenza artificiale ha spinto i titoli delle grandi aziende tecnologiche a un forte rialzo quest’anno, portando alcune valutazioni a livelli che sembrano terribilmente tesi. Ciò è bastato a far scappare il guru degli investimenti tecnologici Cathie Wood: il Ceo di Ark Invest ha scaricato le azioni di Nvidia, preoccupato che la valutazione del produttore di chip fosse già irrealisticamente ricca, molto prima che il rally mostrasse segni di affievolimento. Se pensate che le valutazioni delle azioni stiano iniziando a sembrare troppo alte, ma non volete perdere del tutto la barca dell’IA, diamo un’occhiata a dove potrebbero trovarsi altre opportunità…

I giganti della Big Tech, con i loro solidi modelli di business, i loro margini di profitto sostenibili e le loro solide performance azionarie, hanno accumulato muscoli su muscoli e ora detengono un peso superiore nell’indice S&P 500. Tutto questo è iniziato ben prima che arrivasse ChatGPT e che tutti si appassionassero alle possibilità dell’intelligenza artificiale. Apple, Microsoft, Amazon, Nvidia, Alphabet, Meta e Tesla rappresentano quasi il 27% dell’indice azionario. Questa forte ponderazione sostiene la performance dell’S&P 500, ma ne aumenta anche i multipli di valutazione. E di parecchio.

Secondo Bloomberg, l’indice S&P 500 viene scambiato a un rapporto prezzo/utili (P/E) pari a 17x sulla base delle stime degli utili del prossimo anno. Si tratta di un valore in linea con il multiplo medio degli ultimi 30 anni.

Certo, le valutazioni elevate dei titoli tecnologici possono essere giustificate dalle loro forti prospettive di crescita e dal loro posizionamento vantaggioso come primi beneficiari della rivoluzione dell’IA. Ma è ancora presto per l’IA e il treno potrebbe essere appena partito.

Goldman Sachs stima che l’IA potrebbe portare a un aumento del 4% dei margini di profitto nel prossimo decennio negli Stati Uniti, aumentando la crescita degli utili del 3% su base annua. Se l’IA realizzerà il suo potenziale, sarà percepita da un’ampia gamma di aziende e settori, non solo dai pochi giganti tecnologici che attualmente guidano il mercato.

Esistono diversi modi per beneficiare potenzialmente dell’alba della trasformazione dell’IA. Ecco alcune idee di investimento che vale la pena prendere in considerazione:

Se pensate che la tecnologia sia l’unico settore in grado di guadagnare davvero e potete vedere queste valutazioni elevate salire ancora di più, allora potreste prendere in considerazione l’idea di rimanere sui singoli titoli purer-play come Nvidia, Advanced Micro Devices, Microsoft e Amazon, investendo direttamente o magari attraverso l’Invesco QQQ Trust Series (ticker: QQQ; rapporto di spesa: 0,2%) o l’iShares Semiconductor ETF (SOXX; 0,35%).

Se siete già investiti nell’indice S&P 500 attraverso un fondo come l’SPDR S&P 500 ETF (SPY; 0,095%), potreste continuare a investire in titoli tecnologici a grande capitalizzazione. D’altro canto, se siete preoccupati per le elevate valutazioni di queste aziende, ma volete comunque mantenere una certa esposizione, potreste prendere in considerazione la possibilità di trasferire parte (o tutta) la vostra partecipazione nell’Invesco S&P 500 Equal Weight ETF (RSP; 0,2%). Come suggerisce il nome, questo ETF segue l’indice S&P 500 Equal Weight.

Potreste anche prendere in considerazione un fondo d’investimento. La performance di questi fondi d’investimento, negoziati alla Borsa di Londra, è determinata non solo dalla performance sottostante delle società in cui investono, ma anche dall’offerta e dalla domanda di azioni del fondo. Questo li rende diversi dagli altri fondi, in quanto le azioni sono spesso scambiate a sconto – e talvolta a premio – rispetto al loro valore patrimoniale netto (NAV). Ed è qui che si possono trovare delle opportunità.

Infatti, quando le azioni dei fondi d’investimento sono molto richieste, lo sconto spesso si riduce. Polar Capital Technology Investment Trust (PCT; 0,93%) è un fondo d’investimento focalizzato sui titoli tecnologici. Il fondo detiene il 10% di Apple e Microsoft, il 6% di Alphabet e il 2,5% di Samsung, Nvidia e Advanced Micro Devices. Il quadro è chiaro.

Durante la crisi del Covid nel 2020, quando i titoli tecnologici erano molto richiesti, il fondo d’investimento ha visto ridursi nettamente lo sconto del prezzo delle azioni rispetto al suo NAV (area ombreggiata in rosso nel pannello inferiore) ed è persino riuscito a scambiare con un premio (area ombreggiata in verde nel pannello inferiore) per alcuni mesi. Ma si è trattato di un periodo relativamente breve e, quando l’anno scorso i titoli tecnologici hanno ceduto, lo sconto si è nuovamente ampliato, passando da circa il 7% al 13%, dove si trova attualmente.

Se i titoli tecnologici continueranno a salire, è possibile che non solo il prezzo delle azioni del fondo aumenti insieme al valore dei suoi investimenti, ma anche che lo sconto si riduca nuovamente, offrendo rendimenti migliori. Ma non è una certezza: lo sconto sul NAV potrebbe rimanere ostinatamente alto anche se il settore tecnologico continuasse a crescere.