L’Ocse: i paesi membri devono puntare sull'alfabetizzazione finanziaria

In Campania, è appena partito il percorso rivolto a 1.800 studenti delle scuole superiori per accrescere la capacità di gestione del denaro. In Campania, il percorso “che impresa ragazzi” del gruppo bancario Banca di credito popolare è partito. “L’Educazione finanziaria – spiega il direttore generale Felice Delle Femine – è centrale nella formazione delle nuove generazioni […]. Trasferire conoscenze e competenze ai giovani sull’uso consapevole del denaro e facilitare la crescita di una cittadinanza attiva e responsabile, rientra nel ruolo sociale di una banca legata al territorio come la nostra”.

Il progetto Che impresa ragazzi!

Il progetto “che impresa ragazzi” che BCP promuove è sviluppato su otto appuntamenti da remoto e mira ad accrescere la capacità di gestione del denaro da parte dei giovani. Attraverso la realizzazione di progetti d’impresa e usando come strumento didattico il Business Model Canvas, 1.800 studenti potranno mettersi alla prova e, con la guida dei rispettivi docenti, costruire piani di investimento su una piattaforma online.

BCP per la promozione della cultura finanziaria

La banca da anni opera per l’emancipazione finanziaria di studenti e per il sostegno di progetti sostenibili sul territorio, finanzia borse di studio nella regione Campania per I fuoriclasse della scuola (i vincitori delle olimpiadi del MIUR) e partecipa al mese dell’educazione finanziaria, iniziativa indetta dal Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria. Il progetto Che impresa ragazzi! avviene in virtù della collaborazione con Feduf, la Fondazione per l’educazione finanziaria, con cui la banca collabora da anni.