caviale

Negli anni ’80 il caviale era sulle tavole della Milano da bere, mentre Rodolfo Giaveri progettava di lanciare il proprio prodotto sulle tavole di tutto il mondo. La sua azienda ogg  cresciuta e quest’anno lancia il Caviale Beluga Siberian, che racchiude le caratteristiche uniche dello storione Beluga e dello storione Siberiano, è una specialità prodotta unicamente da questa azienda italiana.

Il Caviale Beluga Siberian è disponibile anche in una confezione dedicata all’estate che si chiama Yacht-master luxury Selection, box dall’etichetta azzurra proprio a richiamo del mare, delle serate conviviali, magari da trascorrere attraccati in un porto europeo. La degustazione di Caviale Beluga Siberian, con le sue deliziose, delicate e morbide note marine, permette infatti di navigare in una delle esperienze culinarie più prelibate, che ben esprime la passione per l’eccellenza ittica di Caviar Giaveri.

 

Autentica e genuina figlia della cultura gastronomica italiana, Caviar Giaveri vede nel Caviale Beluga Siberian il suo fiore all’occhiello, così rappresentativo dell’eccellenza che l’azienda persegue da sempre, tramandando nella sua gestione familiare conoscenze e tradizioni ricche di storia e passione. Fa parte di questa filosofia proprio la scelta di produrre il caviale in allevamenti di proprietà, protetti e controllati, dove gli equilibri della specie vengono rispettati e dove la vita degli storioni è molto simile a quella in natura.

Dalle anguille al caviale in pochi anni 

Nei primi anni ‘80 Rodolfo Giaveri, ebbe la grande intuizione introdurre alcune specie di storioni per diversificare l’impianto dopo essere stato conquistato dalla bellezza e unicità di questo pesce preistorico. L’allevamento era inizialmente destinato solo alla pesca sportiva o per la carne prelibata. Quando, a partire dagli anni ‘90, la pesca in natura di questi ultimi viene totalmente bloccata a causa di bracconaggio e inquinamento, lo storione viene inserito tra le specie in via di estinzione protette dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali in pericolo di estinzione” (CITES).  Lo scenario mondiale del caviale comincia a cambiare e l’allevamento diventa una valida alternativa per sopperire alla mancanza di prodotto sul mercato oltre che per la salvaguardia della specie. Se nei fiumi oggi è difficile riscontrare la presenza dello storione, negli allevamenti, invece, è largamente diffusa, soprattutto in Veneto dove viene prodotto più della metà del caviale etichettato con la bandiera tricolore. L’allevamento dello storione rappresenta, quindi, un valido supporto per preservare questa specie e per ripopolare anche i nostri fiumi dove in passato viveva uno storione autoctono, scomparso ormai da anni. Da allora il caviale italiano ha raggiunto livelli di qualità altissima ed è tra i più apprezzati e conosciuti in tutto il Mondo.