La sede di Cassa Centrale Banca

Cassa Centrale Banca ottiene la certificazione per la parità di genere UNIPDR 125:2022, con ente certificatore Bureau Veritas, società dal 1828 leader a livello internazionale nei servizi di ispezione, verifica di conformità e certificazione. Con il conseguimento della certificazione – si legge nel comunicato – l’istituto di credito riafferma il suo impegno costante e tangibile nella promozione della parità di genere.

Parità di genere, Cassa Centrale Banca certificata

Questo importante risultato, ottenuto anche in seguito all’adozione della politica sulla diversità da parte di tutte le realtà del gruppo sin dal 2019, conferma l’impegno nel costruire e consolidare costantemente una cultura e un ambiente di lavoro sempre più inclusivi, in cui la parità di genere è considerata un elemento fondamentale per il successo a lungo termine del gruppo e per il benessere di tutti i dipendenti.

Ambiente di lavoro aperto e inclusivo

Tra le fasi importanti, che hanno portato all’ottenimento della certificazione, rilevano la costituzione del “comitato guida” e l’approvazione, nella seduta del consiglio di amministrazione del 14 dicembre scorso, di due nuove politiche riguardanti i temi legati alla diversità, all’equità e all’inclusione: la policy a sostegno della genitorialità attiva e la policy diversity & inclusion. La certificazione rappresenta il tangibile impegno del Gruppo nei confronti di tematiche cruciali per le persone, con una particolare attenzione alla promozione dello sviluppo delle donne all’interno del Gruppo.

Un importante riconoscimento per la banca

«Questa certificazione – spiega l’amministratore delegato Sandro Bolognesi – rappresenta non soltanto un riconoscimento del nostro profondo impegno, ma costituisce anche un fermo proposito a mantenere ed elevare i nostri standard. Continueremo a lavorare per garantire che i temi di inclusività e sostegno alla diversità rimangano pilastri fondamentali della cultura della nostra Organizzazione, nell’operato del gruppo e nelle nostre strategie future».

Per Cassa Centrale la parità di genere è al centro

«Questa significativa conquista è motivo di grande orgoglio, poiché rafforza la nostra determinazione a perseguire i nostri obiettivi futuri», ha aggiunto Stefania Buratto, chief human resources officer e diversity manager di Cassa Centrale Banca. «Consapevoli delle nostre radici, con questa certificazione affrontiamo con responsabilità e azioni concrete il cammino verso un ambiente sempre più inclusivo. Oltre a Cassa Centrale, tre banche di credito cooperativo del nostro gruppo hanno recentemente raggiunto questo significativo traguardo e, come capogruppo, vorremmo essere un esempio e una guida per le banche del gruppo che vorranno intraprendere questo percorso di eccellenza».

LEGGI ANCHE: “Chiedete e vi sarà dato. Anche in azienda”