Casa-vacanza per affitti brevi a Faggeto sul Lario

Volano le prenotazioni di case vacanza e il Belpaese torna a essere oggetto delle preferenze degli stranieri. Succede a pochi giorni dall’avvio ufficiale dell’estate più vicina di sempre al ritorno alla normalità post pandemica. Lo dicono i dati ed i nuovi trend diffusi dal Centro Studi di Italianway, che è il primo operatore sul mercato italiano degli affitti brevi con prenotazioni raccolte nei primi 5 mesi dell’anno  per un valore di 29M contro i 20,3M dell’intero 2021e che registra 81mila notti prenotate nei primi cinque mesi del 2022 contro le 27mila di quello passato.

La proptech, dal primo gennaio al 31 maggio 2022 ha raccolto prenotazioni per un valore di 29M contro i 20,3M dell’intero 2021. Quasi quintuplicando il numero delle prenotazioni che passa dai 2M del periodo primo gennaio-31 maggio 2021 ai 9,7M dello stesso periodo di quest’anno, a fronte di 81mila notti prenotate nei primi cinque mesi del 2022 contro le 27mila di quello passato.

Complice l’allentamento delle restrizioni, la percezione di una gestione positiva della pandemia e l’impatto negativo fortunatamente minimo delle turbolenze internazionali sui movimenti turistici – spiega l’AD Marco Celani che dal 2016 guida l’azienda arrivata il 15 giugno ad offrire attraverso il portale italianway.house un totale di ben 900mila notti prenotabili per il trimestre giugno-luglio-agosto 2022 abbiamo già venduto più notti estive, circa 72mila, rispetto al consuntivo di 71mila dello stesso trimestre 2021”.

“Il trend del turismo in appartamento è sicuramente ormai consolidatoè l’analisi di Celani – ed i viaggiatori sono sempre più attenti alla qualità del prodotto e dei servizi offerti dalla gestione professionale degli immobili. Come Italianway siamo sempre più competitivi sia per il numero record delle destinazioni entrate nel nostro Network grazie a partner locali, sia per un’offerta di prodotto in grado di intercettare i desideri di famiglie, globetrotters, nomadi digitali, holidayworkers e viaggiatori business: sul nostro portale si possono prenotare residenze d’epoca nei centri storici di borghi e città d’arte, ville con piscina in campagna o a strapiombo sul mare, chalet di montagna, trulli e dammusi. Anche le tariffe, tornate ai livelli pre-Covid, ci dicono che il mercato è in grande ripresa, con una crescita, nei primi 5 mesi del 2022, di oltre il 60% rispetto allo stesso periodo del 2021: da 75€ a notte a 120€ circa”.

Tornano gli stranieri, in calo gli italiani

L’analisi delle prenotazioni effettuata dal Centro Studi della proptech fotografa il tanto atteso ritorno dei turisti stranieri che, stando alle prenotazioni effettuate sul portale italianway.house dal primo gennaio al 31 maggio, provengono da ben 114 PaesiInevitabilmente si contrae la percentuale di viaggiatori italiani che dal 52% dello scorso anno passa all’attuale 34%.

Sempre forte la presenza di viaggatori tedeschi (dal 12% del 2021 al 7,5% del 2022) e francesi (dal 9,5% del 2022 al 7,2% del 2022). La minor incidenza dei viaggiatori europei è dovuta infatti alla ripresa del lungo raggio: americani prima di tutto (6,9%) ma anche cinesi (4,2%), tornati a soggiornare in città d’arte come Roma, Firenze, Venezia e Napoli e in luoghi iconici come i laghi di Como e di Garda e la Costiera.  Bene anche inglesi e polacchi (per questi ultimi si tratta di un nuovo trend con un picco del 2,1%), mentre mancano completamente russi e una parte del mondo asiatico. 

L’età media dei viaggiatori internazionali è di 40 anni, che si abbassa per spagnoli e inglesi a 37 e 38 e si alza per gli americani ad oltre 42. Chi arriva da lontano preferisce le destinazioni molto note e cittadine diversamente dagli europei, soprattutto del Nord, che privilegiano mete più rurali. Nella scelta del tipo di alloggio gli americani preferiscono il lusso, soprattutto nelle città d’arte, mentre gli svizzeri (4,2%), gli olandesi (2,7% dei clienti) o gli spagnoli (3,3%) prediligono mete extra-urbane, la natura e arredamenti più rustici.

Le mete preferite, regioni e città 

Le classica mete italiane vincono tutte, con alcuni “classici” che si rinnovano, altri che ritornano e alcune che sono partiti comunque molto bene. La Liguria per esempio ha già superato del 10% il totale delle prenotazioni del 2021, anche se non ha  ancora raggiunto il numero di soggiorni dello scorso anno. Molto bene Andora, Sanremo, Genova, Finale e Rapallo con buoni tassi di occupazione già da aprile. 

La Toscana vola con le ville e la ripresa di Firenze: registrate nei primi 5 mesi del 2022 2,5 volte le prenotazioni dell’intero 2021, con un transato medio per alloggio di 2,4 volte superiore e prospettive importanti fino a fine anno. La Sardegna sta partendo con ritardo rispetto allo scorso anno in cui il turismo era prevalentemente nazionale e beneficiava di gran parte dei turisti italiani, tuttavia la finestra di prenotazione si è allungata e non ci sono dubbi – secondo il Centro Studi Italianway – che le 35mila notti ancora libere si riempiano entro  fine giugno. La Sicilia ha già superato il consuntivo 2021 del 30% con una finestra di prenotazione ancora corta e quindi la possibilità di migliorare ulteriormente il riempimento soprattutto per luglio e agosto.La Puglia ha già un ottimo tasso di riempimento da giugno ad agosto (intorno al 45%), e con meno notti vendute ha performance migliori del 2021 del 30%, dato che indica che il prodotto migliore è stato venduto per primo. La Campania, con Napoli, la Costiera e le Isole in testa, ha già un tasso di occupazione ottimo da marzo, con riempimento oltre il 60% per tutta l’estate. 

Villa Levante, Monopoli (BA)

«Le mete preferite per numero di prenotazioni – racconta Celanial momento sono Alghero, Como, Termoli, Andora, Sanremo, Monopoli, la Costa Smeralda, Avola, Bormio, Siracusa con una booking window media per queste TOP 10 destinazioni di 64 giorni, che raddoppia per prenotare i trulli della Puglia e si dimezza per un week end ad Alghero. Come sempre le mete preferite dai nord americani sono Roma, Milano e Firenze, con buona performance del Lago di Como e della Costiera amalfitana. Ottima performance di Napoli, con turisti di tutte le nazionalità, in testa i francesi. La Liguria è la meta preferita dagli svizzeri e dai francesi, e vede un grande ritorno dei tedeschi e di tutto il turismo nord europeo, soprattutto relativamente al cosiddetto segmento silver. Volano le prenotazioni delle ville dislocate in tutta Italia, in particolare in Puglia, Sardegna e in Toscana mentre il numero delle prenotazioni sulla Sicilia può ancora crescere molto».

Si torna a pianificare: cancellazioni ai livelli pre-Covid

Tra i nuovi trend registrati anche la normalizzazione delle tempistiche con cui vengono effettuate le prenotazioni: se la pandemia aveva alterato la booking window imponendo prenotazioni last minute se non addirittura last second, il ritrovato ottimismo e la percezione concreta di un ritorno alla normalità più vicino determinano l’allungamento della finestra di prenotazione.

I viaggiatori prenotano in media 48 giorni prima di arrivare, con dinamiche che variano in funzione della nazionalità (gli italiani in media 15 giorni prima, gli americani 38, i tedeschi 31, i francesi 28) e della destinazione o della motivazione del soggiorno, con le città che vengono prenotate prima se per vacanza, sotto data per lavoro e il mare sempre con un po’ di anticipo, anche per trovare la disponibilità di aerei e traghetti. Al tempo stesso, osserva l’AD Celani, «mentre nel 2021 registravamo un numero di cancellazioni altissimo con picchi del 50%, quest’anno siamo tornati appena sopra la normalità pre-pandemia con un tasso di cancellazione di poco superiori al 15%».