Cartelle esattoriali rottamazione

Le cartelle esattoriali assegnate all’Agenzia delle entrate-riscossione dal 1° gennaio 2025 e non riscosse entro il 31 dicembre del quinto anno successivo saranno automaticamente eliminate. Lo prevede il decreto legislativo che riguarda la riorganizzazione del sistema nazionale di riscossione. Sarà inoltre esaminato, in via preliminare, anche un decreto legislativo con disposizioni in materia “di riordino del sistema nazionale della riscossione” dal Consiglio dei ministri.

LEGGI ANCHE: “Addio carta, la cancellazione dall’Albo dei consulenti finanziari si fa solo online”

Cartelle esattoriali, cosa cambia

Il decreto legge, atteso nel Consiglio dei Ministri, specifica che il Ministero dell’economia e delle finanze stabilirà le modalità di eliminazione delle cartelle esattoriali. Inoltre, l’Agenzia delle entrate-riscossione ha la facoltà di comunicare in qualsiasi momento all’ente creditore la liberazione anticipata delle quote affidate a partire dal 1° gennaio 2025, nel caso in cui si verifichi la chiusura del fallimento o della liquidazione giudiziale, o in assenza di beni del debitore suscettibili di essere pignorati.

LEGGI ANCHE: “Banca d’Italia conferma: presto un “paracadute” per il capitale di rischio bancario”