Btp

Il Tesoro ha collocato complessivamente 5,5 miliardi di euro in Btp in tre differenti aste a 2, 5 e 30 anni. Nella prima, a fronte di una richiesta pari a quasi 5,5 miliardi ne sono stati assegnati 4 miliardi (rapporto copertura 1,37), con rendimento lordo al 3,41%, in aumento di 20 punti base. Nella seconda asta, a fronte di una richiesta pari a 1,56 miliardi ne è stato assegnato 1 miliardo (rapporto copertura 1,56), con rendimento lordo all’1,73%, in aumento di 12 punti base. Nell’ultima asta, a 30 anni, a fronte di una richiesta di 848,5 milioni di euro ne sono stati collocati 500 milioni (rapporto copertura 1,70) con rendimento lordo al 2,19%. Lo comunica la Banca d’Italia.

LEGGI ANCHE: Btp Valore 2024, terza emissione al via lunedì

 

Il 26 febbraio via all’asta dei Btp Valore

Nel frattempo il tesoro ha già fissato i termini per la prossima asta dei Btp Valore. L’emissione prenderà il via lunedì e continuerà fino a venerdì 1 marzo, salvo chiusura anticipata. Il tasso di rendimento si conoscerà soltanto oggi. I Btp Valore, che non prevedono vincoli né commissioni di alcun tipo, hanno cedole periodiche crescenti – la novità riguarda la frequenza del pagamento, che non sarà più semestrale bensì trimestrale. Previsto un premio finale extra di fedeltà riservato a chi avrà acquistato il titolo all’emissione e lo avrà detenuto fino a scadenza, che nel caso di questa terza emissione sarà pari allo 0,7% dallo 0,5% delle due precedenti. La durata sarà di 6 anni, con un rendimento in crescita dopo i primi 3. II taglio minimo è di mille euro e vi è la garanzia di vedere sempre sottoscritto l’ammontare richiesto.