Brooklyn Fitboxing

Non si arresta la crescita in Italia di Brooklyn Fitboxing, l’insegna del fitness nata in Spagna nel 2014 che proprio nel suo decimo anno di vita supera i 220 club nel mondo con una community globale di oltre 60.000 persone. Il brand che, propone un allenamento HIIT (HIGH INTENSITY INTERVAL TRAINING), con sessioni di 47 minuti che alternano colpi al sacco a ritmo di musica ed esercizi funzionali, sta riscuotendo un particolare successo in Italia, dove sono già 14 i club operativi a giugno 2024, e si conta di arrivare a 20 entro fine anno.

Milano è centrale nel piano di espansione del brand in Italia. Nel capoluogo lombardo sono infatti già 10 i club aperti. “Per raggiungere il Break Even Point servono circa 150/170 iscritti a club”, spiega Gabriele Aluigi, country manager Italia. “Nelle proiezioni di business plan, stimiamo il raggiungimento di tale status dopo circa 3-4 mesi di attività. In tutte le aperture italiane stiamo anticipando questo risultato a conferma del fatto che il format sta appassionando la community. Come sta avvenendo nel club Sismondi, ultimo inaugurato a Milano, che in un solo mese ha già oltre 100 fitboxer iscritti.” Grande successo per i club Brooklyn Fitboxing aperti in zona Ticinese, Rembrandt, Isola e Porta Venezia, tutti con 400 iscritti e un particolare plauso al club di Genova, che sta avendo le sue migliori performance da quando ha aperto, anch’esso con oltre 400 iscritti.

L’azienda ha affrontato il mercato italiano puntando dapprima sulla gestione diretta di un consistente numero di club, ad oggi tutti a Milano. I risultati raggiunti da questi club stanno dimostrando l’efficacia del format imprenditoriale, che sta ora attirando l’attenzione di altri imprenditori interessati a investire nella crescita del business in Italia con la formula del franchising. Nelle scorse settimane ha aperto il primo club a Roma, in zona Colli Portuensi, per iniziativa di un team di cinque soci tra i quali Giorgio Maria Daviddi e Gabriele Corsi del Trio Medusa, nella veste di franchisee del brand del fitness, convinti dalla formula coinvolgente che mixa allenamento, divertimento, community e solidarietà (le prestazioni dei fitboxer generano infatti punti che vengono investiti in progetti concreti sostenuti da diverse Ong, tramite H4C, la fondazione no profit di Brooklyn Fitboxing).

Tra le nuove aperture previste, il brand debutterà in autunno a Torino, con un club in franchising, per poi replicare con un secondo club, questa volta di proprietà, entro l’anno. Il club in franchising sarà in capo a un gruppo di investitori stranieri, già proprietari di club in Spagna, Portogallo e Argentina, che hanno strategicamente deciso di cavalcare l’onda del successo di questo format anche in Italia, mercato molto promettente e dal grande potenziale di crescita.

Un’altra regione che presto ospiterà nuovi club è l’Emilia Romagna. Entro l’autunno è infatti prevista l’apertura di un club in franchising a Parma ed entro l’anno aprirà il primo club a Bologna. A seguire, sono già previste aperture a Modena e Ferrara.

“L’head quarter in Spagna è soddisfatto di quello che stiamo facendo in Italia”, continua Aluigi. “In pochissimo tempo siamo riusciti a dimostrare l’efficacia dell’investimento e il supporto agli affiliati. La gestione dei club è snella e semplice, si rientra dell’investimento in circa 2 anni e mezzo e il ritorno a 7 anni è di 4 volte l’investimento iniziale”.

L’azienda, che in dieci anni dall’apertura del primo club ha già saturato il mercato spagnolo, si sta espandendo velocemente all’estero: Portogallo, Italia, Germania, Francia e recentemente in Messico. L’obiettivo globale è di raggiungere 500 clubs nel giro di 4 anni e un giro d’affari da 100milioni di euro. Tra tutti, l’Italia è un mercato particolarmente strategico. Qui il brand ha raggiunto 1 milione di fatturato a fine 2023 e intende raggiungere l’obiettivo dei 50 club attivi entro fine 2028.

Proprio l’Italia ospiterà quest’anno la Convention internazionale di Brooklyn Fitboxing, dove sarà presente anche il founder e CEO, Juan Pablo Nebrera. Proprio lui, dieci anni fa, ebbe l’intuizione di unire tecniche di boxe senza contatto, tecnologia e divertimento per dar vita a Brooklyn Fitboxing. L’appuntamento è il 5 settembre 2024, con un evento a Milano che coinvolgerà tutto il team Italia, gli affiliati, e nuovi potenziali franchisee interessati a cogliere questa opportunità.