bonus trasporto pubblico

“Dal prossimo mese di settembre sarà possibile, per gli utenti del trasporto pubblico richiedere un bonus per il trasporti pubblici. Si tratta di un sostegno concreto per studenti, lavoratori, pensionati, per tutti quei cittadini che utilizzano il trasporto pubblico, su gomma e su ferro, che proveremo a rendere strutturale anche per il prossimo anno” ha spiegato il ministro del Lavoro, Andrea Orlando.

Incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici

“Questa misura, pensata per sostenere le persone economicamente più fragili in un momento difficile come quello attuale – dichiara il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili Enrico Giovannini – è un’occasione per incentivare l’uso del trasporto pubblico locale ed è un esempio di provvedimento che, come auspichiamo, produrrà ricadute positive anche dal punto di vista della sostenibilità sociale e ambientale”. Lo scopo della “misura sociale” è sostenere il reddito e contrastare l’impoverimento delle famiglie conseguente alla crisi energetica in corso.

LEGGI ANCHE: Scuola: Giannelli (presidi), ‘incomprensibile che trasporto pubblico non assorba 17% studenti’

Il bonus per i trasporti pubblici copre fino a 60 euro

La nuova misura coprirà fino a un massimo di 60 euro per gli abbonamenti al trasporto pubblico locale annuali e mensili e sarà richiedibile da settembre da tutte le persone con un reddito inferiore ai 35mila euro annui. Per ottenerlo sarà messa a disposizione una piattaforma dedicata, che al momento è in fase di perfezionamento e il plafond della misura è pari a 79 milioni. Una volta ottenuto, l’utente potrà utilizzare il bonus con un singolo gestore al momento dell’acquisto dell’abbonamento.

La misura ha un carattere sperimentale, ma il governo in merito è ottimista. L’ambizione del ministro Orlando è quello di renderlo strutturale. Nel dl aiuti era previsto il fondo necessario. “Abbiamo attivato procedure e meccanismi per spendere queste risorse. – spiega il ministro Orlando – La misura ha una doppia valenza: il sostegno al reddito, in particolar modo dei lavoratori, studenti e chi è in difficoltà a causa dell’inflazione e come incentivo all’utilizzo del trasporto pubblico, che è un obiettivo che corrisponde all’affermazione di un principio di sostenibilità”.