Bonus psicologico 2022

Lo scorso 16 e 17 febbraio la commissione Affari costituzionali e Bilancio della Camera ha approvato il bonus psicologo 2022, dopo che la misura non aveva trovato spazio nella Legge di Bilancio. Il provvedimento, stando a quanto riportato nel decreto Milleproroghe, è stato finanziato con 20 milioni di euro destinati in forma di incentivo a soggetti e attività con requisiti ben precisi per un massimo di 600 euro a richiedente.

Bonus psicologico 2022, gli obiettivi

Il bonus psicologo si prefigge l’obiettivo di permette l’accesso ai servizi di psicoterapia e sostegno psicologico in assenza di diagnosi di patologie mentali anche ai cittadini con fasce di reddito più basse. La misura vuole dunque andare a contrastare il comprensibile aumento di depressioni, ansie e disagi psicologici innescati dal perdurare di una situazione complicata come è stata quella della pandemia da covid-19 in Italia.

Bonus psicologico 2022, come funziona

Ogni persona potrà ricevere un massimo di 600 euro da utilizzare per pagare le sedute presso specialisti privati iscritti all’albo professionale degli psicologi o degli psicoterapeuti. La quota è stata calcolata tenendo conto della media del costo di una seduta in Italia che si è fatta corrispondere a 50 euro. Ne si deduce che la cifra erogata dallo Stato andrà a coprire un totale di 12 incontri.

Bonus psicologico 2022, i requisiti

I requisiti per poter accedere al bonus psicologo sono strettamente legati al reddito delle famiglie che, in questo caso, dovrà essere inferiore ai 50mila euro annui. La misura, che secondo le stime potrebbe interessare circa sedicimila persone, non prevede limiti d’età per i richiedenti. I 20 milioni di euro stanziati sono stati divisi a metà: una prima parte è rivolta al potenziamento delle strutture sanitaria, mentre la seconda riguarda i contributi individuali alle persone.