bonus bollette

Si va verso la proroga del bonus bollette fino al mese di settembre. La misura passerà in consiglio dei ministri alle 18 e prevede una serie di disposizioni urgenti a sostegno delle famiglie e delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale. “Accogliamo con fiducia la volontà del governo, espressa dalle parole del ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, di valutare di concerto con il Mef e Arera possibili soluzioni volte a far fronte al caro prezzi che centinaia di imprese sul territorio continuano a soffrire” ha scritto in una nota Assorimap.

L’Associazione, che rappresenta oltre 350 aziende che riciclano o rigenerano materie plastiche ha fatto presente numerose volte all’esecutivo “la necessità di prorogare il credito d’imposta per l’acquisto di energia da parte delle imprese energivore in scadenza al 30 giugno 2023″. Continua poi: “Il settore condivide la necessità di uscire da una logica cosiddetta ’emergenziale’ e auspica misure strutturali in grado di mettere in condizione le aziende dell’economia circolare di esprimere al meglio le potenzialità realizzate negli ultimi anni, consentendo al Paese di collocarsi in cima alla classifica dei Paesi europei in termini di materia riciclata”. Il provvedimento, inoltre, dovrebbe far valere fino a settembre anche il taglio dell’Iva al 5% e l’azzeramento degli oneri generali di sistema solo per il gas. Non dovrebbe invece arrivare la proroga per i crediti di imposta.

LEGGI ANCHE: Bonus bollette ok dalla Camera, cosa cambia per le famiglie

Quali sono gli altri punti che saranno discussi

Nel corso della seduta verranno adottate anche una serie di disposizioni urgenti per la ricostruzione nei territori colpiti dall’alluvione verificatasi dal 1° maggio 2023. É prevista l’abrogazione di norme prerepubblicane relative al periodo 1871-1890 e ulteriori abrogazioni di norme relative al periodo 1861-187. All’ordine del giorno ci sono anche degli interventi in materia di sicurezza stradale e delega per la revisione del codice della strada. Verrà votata anche la semplificazione dei controlli sulle attività economiche.