Beppe Grillo quanto guadagna

Beppe Grillo è un comico italiano che, nel 2009, ha fondato un partito politico che ha saputo ben intercettare una fase storica del Paese, arrivando ad essere il più votato alle elezioni del 2018: il MoVimento 5 Stelle. Il carismatico comico genovese ha unito le sue doti comunicative a quelle di un manager, Gianroberto Casaleggio, e così è nato un soggetto politico innovativo che ha offerto ai cittadini una grande possibilità di partecipazione attraverso la rete. Si è trattato di un grande successo per Grillo che, da allora ad oggi, esercita il ruolo di garante dello Statuto del movimento e fa campagna elettorale attraverso il suo blog, ma mai ha pensato o provato a candidarsi. Resta dunque un attivista particolareggiato, con la sua professione principale che è rimasta quella di comico. Ma quanto guadagna Beppe Grillo e a quanto ammonta il suo patrimonio? Priviamo a scoprirlo insieme.

Beppe Grillo: quanto guadagna

Il fondatore del M5s, Beppe Grillo, è nato nel 1948 a Genova ed ha iniziato la sua carriera come rappresentate di commercio nel campo dell’abbigliamento, ma è la comicità la sua vocazione. Dopo aver lasciato l’Università di Economia e Commercia, inizia con i primi spettacoli e viene notato da Pippo Baudo che lo porta con se a Secondo voi. Siamo nel 1977, con Grillo che presto prenderà parte ad altri programmi tv come Luna Park, Fantastico e poi anche il Festival di Sanremo come co-conduttore. Parte così la sua carriera, costellata, nei primi anni, di comparse nei programmi tv e spettacoli da vivo. L’impegno politico, sempre manifestato nel corso dei suoi monologhi comici, trova concretezza nel 2005 quando nasce il blog beppegrillo.it.

Per quel che riguarda i guadagni di Beppe Grillo, secondo quanto riportato da parlamento.it nella sezione relativi ai redditi dei dirigenti e tesorieri, nel 2017 Grillo ha dichiarato 420.807 euro. Nel 2016 invece, la cifra ammontava a 71.957 euro, nel 2015 a 355.000 euro. Stimare con esattezza quanto guadagna Beppe Grillo non è tuttavia una pratica semplice viste le sue molte fonti di reddito. Non è chiaro, ad esempio, quanto percepisca dal suo blog così come non è noto quale sia il valore dei suoi ingaggi per gli spettacoli dal vivo.

Più di recente, stando a quanto riportato dal quotidiano Domani, Beppe Grillo avrebbe firmato un accordo con il MoVimento 5 Stelle diviso in due contratti, uno dal 200mila euro ed uno da 100mila euro, per “attività di supporto nella comunicazione” dei gruppi parlamentari. Si tratta di un totale di 300mila euro che Grillo riceverebbe per il supporto e l’eco mediatico offerto per “l’ideazione di campagne, promozione di strategie digitali, produzione video, organizzazione eventi, produzione di materiali audiovisivi per attività didattica della scuola di formazione del Movimento, campagne elettorali e varie iniziative politiche”.