CASELLO CASELLI SVINCOLO SVINCOLI RACCORDO RACCORDI VIADOTTO VIADOTTI A22 CASELLO CASELLI AUTOSTRADALE AUTOSTRADALI CODA AUTOMOBILE AUTOMOBILI

Autostrade, aumenti: il decreto interministeriale Mit e Mef stabilisce gli adeguamenti dei pedaggi sulle autostrade italiane dal 1 gennaio 2024. In un’ottica contenitiva gli aumenti sono stati adeguati al tasso d’inflazione. Sulla rete di competenza di Autostrade per l’Italia, che conta circa 2.800 km di estensione, tra le arterie più trafficate del Paese, la variazione riconosciuta è stata del 1,51%, ampiamente inferiore al tasso d’inflazione corrente. Per le società concessionarie attualmente interessate dalla procedura di aggiornamento della convenzione, il decreto milleproroghe del 28 dicembre scorso ha previsto un adeguamento pari al 2,3% pari esclusivamente al tasso d’inflazione stabilito dall’ultimo documento di programmazione economico.

Autostrade, aumenti: per i consumatori sono ingiustificati

Ma per le associazioni dei consumatori i rincari dei pedaggi autostradali sono ingiustificati. «Dopo RC auto, telefonia, alimentari, gli italiani dovranno mettere in conto a partire dal prossimo anno anche i rincari delle autostrade, una ulteriore voce di spesa che inciderà sulle tasche dei consumatori» afferma il Codacons. «Con l’aggravante che a pedaggi più salati non corrisponde un miglioramento dei servizi resi agli utenti, come dimostrano i continui disservizi su tutta la rete, i cantieri infiniti, le lunghissime code che imprigionano gli automobilisti. Al contrario il costo dei pedaggi, a fronte dei gravi disservizi registrati sulle autostrade nel 2023, sarebbe dovuto scendere come forma di indennizzo in favore degli automobilisti lesi». Per Assoutenti i rincari sono «apparentemente finalizzati a finanziare i lavori sulla rete, in realtà contribuiscono ai profitti delle società autostradali».

Ecco il prospetto delle variazioni sulle tratte autostradali in concessione.

Società  Situazione convenzionale Variazione % applicabile
Ativa Concessione scaduta 0,00
Autostrade per l’Italia Periodo regolatorio vigente 1,51
Autobrennero Concessione scaduta 0,00
Brescia Padova Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Autovia Padana Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Salt – Tronco Autocisa (A15) Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Fiori – Tronco A10 Concessione scaduta 0,00
Autostrade Siciliane Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Alto Adriatico Periodo regolatorio vigente 0,00
Serravalle Milano Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Tangenziale di Napoli Periodo regolatorio vigente 0,76
Rav Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Salt (Ligure Toscano) Concessione scaduta 0,00
Sat Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Salerno- Pompei -Napoli A3 Periodo regolatorio vigente 1,86
Satap – Tronco A4 Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Satap – Tronco A21 Concessione scaduta 0,00
Sav Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Sitaf Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Fiori – Tronco A6 Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Cav Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Strada dei Parchi Subentro concessionario 0,00
Asti-Cuneo Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
Pedemontana Lombarda Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30
TEEM Periodo regolatorio vigente 2,30
Brebemi Aggiornamento P.E.F. in corso 2,30