Aumento stipendi sanitari 2022

Ci sono importanti novità per quanto riguarda i sanitari italiani che, in caso di raggiungimento dell’accordo, potrebbero vedere il proprio stipendio aumentare di circa 170 euro al mese. È questo quanto previsto nella nuova bozza di accordo contenente anche i valori degli aumenti dello stipendio previsti per tutto il comparto della Sanità, a partire dagli infermieri. L’Aran, Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, avrà il compito di trattare con i sindacati per conto del governo, con il presidente dell’agenzia, Antonio Naddeo, che spera che già entro la fine di giugno si possa arrivare alla firma.

LEGGI ANCHE: Sciopero Ryanair: gli stipendi tagliati del personale e la crisi delle low cost

Aumento dello stipendio dei sanitari nel 2022

Stando a quanto riportato dal Messaggero, gli aumenti dello stipendio dei sanitari nel 2022 potrebbero muoversi tra una maggiorazione di 50,5 euro lordi mensili – per il livello base del personale di supporto – ai 98,10 euro per i professionisti della salute e i funzionari.

Gli incrementi di stipendio, inoltre, non si fermerebbero qui per gli infermieri che, oltre all’aumento tabellare, riceverebbero anche un’indennità di specificità infermieristica indicata nell’ultima legge di Bilancio. Tale indennità, per i casi dei profili più avanzati, sarebbe di circa 72 euro, portando così l’aumento totale a 170 euro lordi in più al mese.

Nel nuovo contratto dei sanitari un ruolo determinante è rappresentato dagli incarichi retribuiti di posizione e funzione. L’obiettivo degli incarichi di posizione è quello di assicurare lo svolgimento di funzioni organizzative e professionali caratterizzate da livelli di competenza e responsabilità professionale, amministrativa e gestionale con un grado di autonomia, conoscenze e abilità elevate. In questo caso è prevista un’indennità dai 10 mila ai 20 mila euro annui. Gli incarichi di funzione, invece, risentiranno della mansione svolta (base, media o elevata) e verranno retribuiti con 930 euro l’anno. Quello medio andrà da 4,5 mila a 9,5 mila euro annui, quello elevato tra i 9.501 e i 13,5 mila euro lordi l’anno.