Reti, è record di raccolta nei primi tre mesi dell’anno
Paolo Molesini, presidente di Assoreti

La pandemia Covid 19 mette d’accordo tutti sulla necessità di investire maggiormente sul futuro del Paese e su chi ha un ruolo primario per la ripresa. Gli italiani sono pronti a partecipare con i propri risparmi a un progetto nazionale comune e ritengono il sistema finanziario – vale a dire le banche, il credito, le soluzioni di investimento, la gestione del risparmio – una soluzione all’attuale situazione di difficoltà e di incertezza. È questa la cornice di un quadro, in parte inaspettato, che emerge dalla ricerca “Risparmio e Consulenza, Insieme per il Rilancio del Paese”, realizzata da Eumetra per Assoreti, che sarà presentata venerdì 11 dicembre alle ore 12 in diretta streaming su Corriere.it e Assoreti.it, da Ferruccio de Bortoli, editorialista Corriere della Sera, con Paolo Molesini, presidente di Assoreti, e Fabrizio Fornezza, partner Eumetra.

Gli italiani hanno ben chiara anche l’agenda di priorità di spesa che riguarda le 3 grandi aree dello Sviluppo, delle Infrastrutture e delle Imprese; hanno maggiore consapevolezza del ruolo della finanza, e della consulenza finanziaria in particolare, che può canalizzare le “disponibilità” in opportunità concrete di investimento. E non solo in termini operativi (cosa fare per la famiglia e le imprese) ma anche, e soprattutto, in termini di ruolo sociale.

Assoreti, con il supporto di Eumetra, istituto indipendente di ricerca sociale, ha condotto a ottobre e novembre 2020 un’indagine sulla relazione tra risparmio, consulenza finanziaria e bisogni del Paese. Per il progetto di ricerca è stato contattato un campione nazionale di 1000 risparmiatori e investitori, a rappresentare il sistema delle famiglie risparmiatrici e del risparmio italiano.