Agevolazioni prima casa 2022

Le agevolazioni 2022 per per la prima casa permettono ai beneficiari di godere di benefici fiscali e incentivi che facilitano l’acquisto di un immobile da adibire ad abitazione principale. Si tratta, nello specifico, di una riduzione di Iva, imposta di registro e dell’imposta ipotecaria e catastale. Proviamo dunque a chiarire quali sono i requisiti per poter usufruire delle agevolazioni e quali la loro entità.

Agevolazioni per la prima casa 2022

Iniziamo col dire che le agevolazioni fiscali previste per la prima casa si applicano quando si acquista un fabbricato appartenente a determinate categorie catastali, oppure sito nel Comune di residenza o lavorativo di chi compra. Anche in base alla tipologia di acquirente possono esserci diverse agevolazioni. Se ad acquistare è un privato o un’azienda che vende in esenzione Iva, l’imposta di registro si registro scende dal 9% al 2% del valore catastale dell’immobile e l’imposta ipotecaria e l’imposta catastale sono pari a 50 euro. Nel caso in cui, invece, l’acquirente si un’impresa, l’imposta dovuta passa dal 10% al 4%, mentre l’imposta di registro, ipotecaria e catastale sono fissate a 200 euro ciascuna.

Per poter usufruire delle agevolazioni prima casa 2022 sono stabiliti poi dei requisiti precisi. Anzitutto è necessario non essere proprietari di un immobile adibito ad abitazione nello stesso Comune di quello per il quale si richiede il bonus e non essere titolari di diritto di uso, usufrutto o abitazione di altro immobile nel Comune. È necessario poi avere o stabilire la propria residenza nel Comune nel quale si acquista l’immobile entro 18 mesi dall’ottenimento delle agevolazioni. Infine, è stabilito che il beneficiario non sia titolare in tutto il territorio nazionale di abitazioni acquistate con agevolazioni o vendute entro un anno dall’ottenimento delle stesse.

Importante ai fini del riconoscimento delle agevolazioni prima casa 2022 è la categoria catastale dell’immobile che si acquista. Quelle ammesse sono le A/2, abitazioni di tipo civile, A/3, abitazioni di tipo economico, A/4, abitazioni di tipo popolare, A/5, abitazioni di tipo ultra popolare, A/6, abitazioni di tipo rurale, A/7, abitazioni in villini, A/11, abitazioni e alloggi tipici dei luoghi. Ad essere escluse sono dunque le abitazioni di lusso.