Addio a Gianluigi Gabetti, il regista del capitalismo italiano possibile