L’impennata dell’inflazione presenta non pochi ostacoli agli italiani appassionati di sport invernali e alcuni di loro stanno pensando di rinunciare alla settimana bianca. Tra il costo degli skipass e del noleggio dell’attrezzatura, in Italia uno sciatore su tre (33%) durante questa stagione invernale rinuncerà del tutto allo sci. È quanto emerge da un’indagine di Prima Assicurazioni – insurtech company che ha rivoluzionato il rapporto tra cliente e assicurazione grazie alla tecnologia – commissionata a Nielsen.

Settimana bianca, che fare?

C’è però anche un 47% che non è ancora pronto ad abbandonare sci e scarponi per questa stagione, anche a costo di qualche sacrificio. In particolare, il 10% ammette che andrà sulle piste evitando però le settimane di Natale e Capodanno per risparmiare, seguendo il consiglio di un altro 7% che anche gli anni scorsi ha preferito periodi meno affollati. Allo stesso modo, invece, c’è chi sfrutterà la pausa natalizia per godersi le discese, riducendo però il budget previsto o i giorni di permanenza (17%). Sono solo il 13%, gruppo di sciatori irriducibili, che anche per il 2022 confermano le stesse abitudini dell’anno precedente e andranno a sciare durante il periodo delle vacanze natalizie senza rivedere le proprie spese o la scelta delle giornate. Infine, nonostante la stagione sia già iniziata, tra gli sciatori, il 20% non ha ancora deciso.

L’Istat ha rilevato a novembre un picco dell’inflazione pari all’11,8% su base annua, confermando il trend di forte aumento dei prezzi, con la pressione al rialzo sul costo della vita che dovrebbe proseguire nei prossimi mesi.

“Nonostante il peso dell’inflazione, che non può non avere alcun impatto, vorrei sottolineare che la metà degli italiani che amano sciare hanno già pianificato di andare in settimana bianca anche durante questa stagione invernale, e un altro 20% potrebbe presto aggiungersi. Non è escluso poi che all’inizio del prossimo anno il quadro possa migliorare ancora”, commenta Anna Sanfilippo, Chief Marketing Officer di Prima Assicurazioni. “Prima – aggiunge Sanfilippo – è al fianco sia di chi parte, sia di chi resta a casa, con polizze Casa personalizzabili e facili da gestire e una copertura Famiglia che ha un taglio fisso ed è accessibile a tutti, e che naturalmente include la protezione per danni causati e subiti durante l’attività sportiva, quindi anche mentre si scia”. 

Alla vigilia delle vacanze di Natale si configura una situazione non semplice per gli italiani, con l’ISTAT che a ottobre ha confermato un picco della pressione inflazionistica all’11,8% su anno, e si prepara probabilmente a comunicare rialzi simili a novembre e dicembre.

Ecco le risposte alla domanda della ricerca

“I prezzi potrebbero condizionare gli italiani che ogni anno scelgono di andare a sciare durante il periodo delle vacanze natalizie. Di fronte a questo scenario lei cosa farà?”

Andrò a sciare durante le vacanze natalizie, nonostante l’aumento dei prezzi 13%
Andrò a sciare durante le vacanze natalizie ma riducendo il budget o i giorni di permanenza 17%
Andrò a sciare in altri periodi dell’anno per risparmiare 10%
Sono sempre andato a sciare in altri periodi dell’anno 7%
Quest’anno credo che rinuncerò allo sci 33%
Non ho ancora deciso 20%